-1 +1 = 0

Salvatore Leone

3302753_737342e8_560

Racconto della luce

cosa fai al buio, nascosto sotto il tavolo
lasciami guardare, lasciami contare le viole
sulle braccia, le gambe, la bocca immobile
battaglie estese di tempie addormentate
su scorze di cemento
fuga rappresa negli occhi
di un corpo ormai privo del senso

e se ti raccontassi la luce

una guerra primordiale
esplose nel cielo come la saetta
nella crepa di una roccia avida
scoscesa altalenante di una cava
raccolta di flutti
boato di porpora e ocra.

Due uomini alati, uno di bianco, l’altro era nero
contrassero la cima in argilla
l’ira sui piedi, i pugni, la tensione del nervo

avvinghiarono, s’avvinghiarono

arsero una lotta superba
tra inguine e ventre
respiro del primo atto di una fusione
una morsa di cielo

Nessuno vinse
altri persero

gli occhi non sapevano inganno
il tremore spesso, spesso le guardate
vocazione di un duello talvolta arreso.
I fiati carezzavano labbra aride
l’umida sentenza…

View original post 30 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...