pdv

Salvatore Leone

cultura_4wq2e_T560

Palazzo dei venti

il cielo era sempre grigio
defecava pieno di corvi
anime bagnate in un fiume sacro
uno sputo di tabacco rosso
è quel posto dove l’uomo – va pulito dentro
come un bicchiere sempre sporco
dal fetore negli sguardi – e la fame
artefatto di un profumo che sia caro

ogni cosa andava pulita dentro
era strano un uomo, il suo mestiere
si insinuava nelle orecchie
con uncini di ferro, la mira di uno strabico
era strano quel mestiere
e il nero, il turchese, il verde che brillava
barbe contenute in buffi nodi
una palla indisciplinata di mercanti e santi
mutilati e gigolò in tenute sintetiche

tra diamanti e feci
impressero il terzo occhio con un dito
inerzia di un vegetale

ero come quel palazzo tutto rosa
che con il vento suonava

India 2008

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...