parigi come roma: finalmente piazza pulita dei lucchetti dell’amore dal pont des arts

L’incredibile e demenziale,almeno per me, storia dei lucchetti iniziò ufficialmente nel 2004, quando fece la sua apparizione il libro “Ho voglia di te” di federico moccia , scrittore in grado di procurarmi una reazione orticarioide di portata letale. Nello sdolcinato romanzo i protagonisti scrivono le loro iniziali su un lucchetto e lo attaccano al terzo lampione sul lato nord di Ponte Milvio a Roma. Poi gettano le chiavi nel Tevere in segno di amore eterno.
In verità pare che la “romantica” abitudine risalga addirittura alla prima guerra mondiale con location a Vrnjačka Banja, 200 chilometri da Belgrado, dove due giovani suggellarono così il loro amore -lucchetto su un ponticello, chiave nel fiumiciattolo sottostante- prima che lui partisse per la guerra e si innamorasse di un’altra. Sembra che vicino al lucchetto su quello stesso ponticello la giovane serba si lasciasse morire di dolore…
Qualunque sia l’origine dal 2004 questo rito è diventato una mania in tutto il mondo.
Dapprima ha invaso le città italiane nelle quali folle di fidanzati attaccavano i catenacci ferrosi con impresse le loro iniziali.
Poi l’usanza ha invaso il mondo : milioni di lucchetti sono applicati alle inferriate del ponte di Kobe, in Giappone, chiamato anche ponte di Venere e più noto per essere il ponte sospeso più lungo del mondo, che offre una spettacolare veduta sulla città.Con la massa ferrosa dei lucchetti un po’ meno …spettacolare.

La moda di Ponte Milvio è arrivata anche a Parigi sul Pont des Arts, tra il Louvre e Saint-Germain-des-Près, conosciuto anche come ponte degli amanti. Dal 2008, migliaia di lucchetti sono apparsi sulle ringhiere, riducendo un luogo magico e poetico, tanto decantato nella letteratura mondiale, a un ammasso di ferraglia In Italia,datosi che il peso dava enormi problemi alla stabilità del famoso ponte i lucchetti vennero finalmente e definitivamente rimossi nel settembre 2012.
La città di Dublino ha fatto lo stesso.Dopo Roma e Dublino, anche Parigi di appresta a rimuovere questa barbarie. Il sindaco socialista Anne Hidalgo ha dichiarato:
-Stop al degrado e all’inquinamento visivo-
Da oggi, primo giugno, migliaia di love lock verranno dunque definitivamente rimossi dal Pont des Arts.
Era l’ora….

14 pensieri su “parigi come roma: finalmente piazza pulita dei lucchetti dell’amore dal pont des arts”

  1. ..ti è andata bene con la reazione orticarioide, io ho rischiato lo choc anafilattico…
    Evviva le tenaglie!!!! Forza con le tronchesi!!!!! 😃😃😃

    "Mi piace"

      1. is not possible… una mia antenata fu condannata per stregoneria nel 1594, non fu bruciata perché di famiglia nobile…pare che io le assomigli molto, almeno da un ritratto che abbiamo…

        Piace a 1 persona

      2. ..un vecchio prozio di mio nonno paterno fece anch’egli ricerche genealogiche, ma invero non so a che risultati pervenne…
        Il mio problema (veramente è degli altri, a me non interessa un fico secco 😜) è che io non assomiglio a nessuno in famiglia, e questo andando indietro anche di molte, molte generazioni…
        Solo una volta, il giorno in cui compii 21 anni, mi rimase impressa una frase di una vecchia “zia”, in realtà era una lontana parente del nuovo mondo che, rimasta senza marito, si era ritrasferita qui, più vicina alla famiglia… Mi disse “ora sei pronta Ninlil, il tempo è giunto… Trova chi realmente sei con gli occhi del cuore, perché uomini ottusi regalarono al fuoco amico il tuo dolce volto..” Rimasi di sasso Vy, perché non capivo cosa volesse dire, né, d’altra parte, zia Isa aveva mai mostrato segni di cedimento neuronale, benché vecchissima (103 anni!).. Ed era anche la prima volta che sentivo qualcuno appellarmi Ninlil…
        Chiesi alla figlia di zia Isa, la quale dapprima mi apostrofò come ingenua a dar retta ai vaneggiamenti di una vecchia pazza (eh si, i buoni rapporti nella mia famiglia sono sempre stati all’ordine del giorno…), e poi, viste le mie insistenze, mi confessò che sua madre discendeva da donne “dotate dalla Natura e incomprese dagli uomini”, che nel corso dei secoli si erano “mescolate” fra le persone normali per sopravvivere, perché più d’una era finita bruciata, e da qualche anno continuava a ripetere che un’altra discendente era quasi arrivata…
        Lo scetticismo non mi ha mai abbandonata, è nella mia natura, come anche la curiosità, per cui chiesi a questa donna, visto che ormai mi era chiaro che secondo zia Isa la “discendente” ero io, quale fosse il segno o i segni che identificassero queste donne “speciali”… Mi rispose “..un piccolo neo, sul fianco sinistro, a forma di cuore con la punta rivolta in alto…”

        Piace a 1 persona

      3. però, pensa che io chiamo la mia numerosa famiglia “gotica” fai tu…interessante il neo a forma di cuore sul fianco, in compenso me lo sono tatuato, piccolo e rosso dove non si vede 🙂

        Piace a 1 persona

      4. ..fra “gotica” e “stronza” preferisco “gotica”, fai tu… 😩
        ..e io non ho avuto bisogno di farmi tatuare niente… 😜

        "Mi piace"

  2. Io ho avuto una reazione peggiore ai libri del Moccia!Sono gli unici “libri” che darei alle fiamme.Da notare anche la demenza di chi ha messo i lucchetti.Ma che senso ha?Il lucchetto simboleggia chiusura,prigionia ,mentre l’amore é libertà.Mah!!!!Buon inizio settimana;-)

    Piace a 1 persona

  3. Non approvo le manie esasperanti di fare quello che fanno tutti, lo trovo ridicolo e
    soprattutto segno di mancanza di personalità….senza contare, nel caso specifico, che
    quell’ammasso di ferraglia rovini qualsiasi tipo di paesaggio, quindi mi è sembrata saggia
    la rimozione di quello “scempio inutile”
    Bacio viky,silvia

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...