Dopo il fantasy una storia vera: la “misericordiosa” santa Inquisizione e la “strega” Gabina degli Albeti ( Luglio 1375)

strega3

Gabina degli Albeti, nella viscontea Reggio Emilia, il 13 Luglio del 1375 venne portata in tribunale come fattucchiera di fronte a una corte civile, non ecclesiastica, presieduta da un vicario del Podestà.
Evitò il rogo perché fu processata in anni in cui la procedura dell’Inquisizione brancolava tra incertezze di vario genere e indecisioni di poteri; infatti i due ineffabili Domenicani Sprenger e Kramer, autori del “Malleus Maleficarum”, l’onnipotente manuale antistrega, non erano stati ancora concepiti.
Per questo Gabina evitò la morte,anche se le toccò una condanna forse peggiore.
Mentre in alcune regioni d’Europa e d’Italia le streghe venivano già spedite al rogo dagli inquisitori civili a braccetto con quelli ecclesiastici, in altre le serve del Demonio se la cavavano con poco, o meglio, come scrive Tommaso da Camerino, venivano trattate con “misericordia”.
Tornando a Gabrina, che avesse o meno stipulato un patto col Diavolo poco importava al tribunale laico, che aveva avuto sentore della sua fama crescente come fattucchiera.
Lei era guaritrice ed erbaiola nota ma, per chi la giudicava, i suoi medicamenti e le formule propiziatorie sussurrate mentre somministrava i farmaci erano un esercizio di magia, vietato dalle leggi civili.
Se poi la donna violava anche le leggi ecclesiastiche tanto meglio; questo avrebbe giustificato ulteriormente la condanna.
Perché la pena che le sarebbe stata inflitta doveva servire a quanti credevano di potersi arrogare un potere che doveva essere solo dei medici e dei preti.
In effetti l’Inquisitio- cioè l’atto dell’istruttoria giunto fino a noi nell’archivio di Reggio- giudicava Gabrina colpevole di essere stata scelta da Satana per agire contro Dio a danno delle anime.
Attenzione: se di anima parla un tribunale civile, la sua distanza da quello ecclesiastico è più breve di un sospiro.
La strega non guariva per danaro e questo aggravò la sua posizione: infatti i giudici dichiararono che per pura scelleratezza incantava femmine e maschi.
Per che altro, se non si faceva pagare?
La cercavano soprattutto le donne, come già Benvenuta 5 anni prima a Modena.
Ecco il grande peccato della strega, essere la padrona di un mondo sommerso, quello femminile, già di per sé diabolico…
Ma come si faceva a confessare al Prete la paura di restare gravida, di venire tradita, di perdere l’amore di chi si ama, o il terrore di vedersi morire un figlio sotto gli occhi?
Lei, la guaritrice, sapeva ascoltare, esser sorella, madre, medico, amica, complice, sempre solidale mai infida, convinta come era che l’amore fosse importante quanto la morte, cosa che il prete pareva non capire.
– Alzate gli occhi al cielo- così esortava le donne il ministro di Dio- e accettate la vostra croce-
la qual croce, per quei tempi magri, era assai più quotidiana del pane.
E chi cercava di sfuggire a Dio aggirando il proprio triste destino con l’aiuto di una guaritrice di tutti i mali, avrebbe di certo anche cercato di sottrarsi al potere delle leggi.
Questa fu la convinzione profonda dei giudici laici ed ecclesiastici, per questo furono perseguitate le streghe: quei roghi insegnavano al popolo ad appecorarsi ben più efficacemente che una costosa e complessa repressione.
Gabrina fu quindi accusata di essere “donna malefica”.
L’Inquisitio che la portò a questa sentenza riferisce che parecchie persone degne di fede a Reggio Emilia testimoniarono contro di lei.
La colpa della povera donna fu quella di essere erbaiola cioé raccoglitrice di erbe medicinali con l’aiuto delle quali tesseva i suoi malefici.
Perché le sue pozioni non potevano essere altro che malefiche visto che i giudici non riconoscevano a esse alcuna virtù risanatrice.
Del resto un certo frate di Siena, tale Filippo, autore intorno al 1400 degli “Assempri”, scriveva nel suo testo che le erbaiole altro non erano che streghe e come tali andavano punite,essendo esse veri e propri “medici del diavolo che dan da credere che quello che Dio non vuol fare, esse possono farlo con l’aiuto del Demonio”.
Come per Benvenuta di Modena il tribunale si ritenne clemente per aver steso una sentenza che non infliggeva la morte.
Fu infatti condannata al taglio della lingua perché non diffondesse più il veleno della propria arte.
Inoltre doveva essere marchiata a fuoco, non sappiamo dove.
Pochi giorni dopo il processo in quell’estate del 1375 a Reggio Emilia Gabina uscì dal tribunale marchiata, e con la lingua amputata.
Questa pena non fu scelta casualmente: la povera donna non sapeva né leggere né scrivere.
In tal modo venne ridotta all’eterno silenzio.
Testo di riferimento: “Il libro nero della caccia alle streghe, la ricostruzione dei grandi processi” di Vanna De Angelis

In 400 anni centinaia di migliaia di donne in tutta europa vennero bruciate vive, senza avere alcuna colpa altro che quella di essere guaritrici, erbaiole e , in molti casi, solo belle.
Ora io mi ripeto: il soglio di Pietro non mai chiesto perdono per questi crimini, omicidi “di stato”…forse perché erano solo donne?
Bene , ribadisco: la shoah tanto propagandata non è l’unico orrore da ricordare, sarebbe l’ora che ce ne rendessimo conto!

17 pensieri su “Dopo il fantasy una storia vera: la “misericordiosa” santa Inquisizione e la “strega” Gabina degli Albeti ( Luglio 1375)”

  1. a parte scherzi…. è stato un periodo buio della chiesa e non solo per le streghe ma per tutti quelli che cadevano in disgrazia solo per carpirgli gli averi … per le donne che sapevano sopravvivere curarsi e anche dividere le loro esperienze bastava che il prete o il signorotto del luogo respinto e la caccia alla strega era sicura .. un femminicidio anche con l’approvazione della chiesa …

    Piace a 1 persona

  2. In nome della religione si sono compiute e si compiono tuttora le cose più atroci. L’umanità è davvero stupida. E tra l’altro in quel periodo grazie alla chiesa si sono perse conoscenze molto importanti che solo adesso stiamo riscoprendo con la sola differenza che, quelle conoscenze prima erano di tutti mentre oggi diventano brevetti farmaceutici delle multinazionali. Grazie dio per continuare a non esistere…sei proprio giusto!

    Piace a 1 persona

      1. Io semplifico molto ovviamente ma, diciamo che il mio ateismo è riferito a questo genere di divinità (che sia una o più di una) che viene,più o meno in tutte le religioni, considerata come un padre padrone che sta li a tirar i fili come fosse un burattinaio salvo fregarsene se i fili si intrecciano. Ma, sempre detto alla buona, sono pronto a credere in qualsiasi altra cosa che abbia una logica e che non sia basato su finte rivelazioni,visioni o quant’altro di gente che si faceva acidi o fumava crack in quantità industriale! Mi attirano di più quelle religioni filosofiche di tipo orientale come il buddismo che nella loro semplicità tentano di dare spiegazioni che per lo meno non sono in contrasto con le leggi della fisica. Altresì sono propenso a credere che in un certo senso quel dio di cui tanto si parla altri non è che la somma di tutte le creature viventi e non ma che semplicemente non ne ha ancora coscienza.Insomma la teoria di Gaia mi piace parecchio.

        Piace a 1 persona

      2. Se quella teoria fosse vera non farebbe a pugni con la legge di Lavoisier(Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma) in quanto la morte non sarebbe altro che una trasformazione in cui varia la forma e la massa ma resta invariata l’energia. Per questo non reputo così campata in aria la reincarnazione buddista.Siamo atomi che non spariranno ma diventeranno altro!

        Piace a 1 persona

      3. Mmmm…non sono sicuro di voler ricordare però indubbiamente è una parte della coscienza di ciascuno di noi che fatico ad immaginare che fine possa fare!Magari ci sarà un mega hard disk cosmico in cui finiscono tutti i ricordi!:-D

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...