La “gran fica francese” del killer sentimentale

calzediseta

Sepùlveda, in “Diario di un killer sentimentale”, racconta di una ragazzetta che innamoratasi del killer protagonista, esperto d’armi e di letto, si trasforma, in poco tempo, in una donna affascinante e soprattutto determinata a ottenere quello che vuole.
Per l’uomo, ammagato da questa trsformazione,lei diventa la sua “gran fica francese”, che poi lo ucciderà.
Killer a parte, anche io ho vissuto la stessa esperienza.
Una straordinaria (in tutti i sensi) avventura durata un anno durante il quale divenni molto simile alla ragazza francese di Sepùlveda.


In quell’anno con te
divenni donna:
fiorirono i miei fianchi
pieni del tuo calore
mentre lo sguardo si scioglieva
astuto
nelle molteplici esigenze
del piacere.
I seni si riempirono
spavaldi
ammiccando gloriosi
verso il cielo.
Mi sedusse
il frusciar della seta
sulla pelle
nel sortilegio delle scarpe
rosse
lucenti d’incanto e di fattura
appuntite lame i tacchi
che poi ti avrebbero pugnalato
al cuore
mentre
in delirio d’infantile
onnipotenza
ti rubavo la vita
se pur con labbra
poco esperte.
Ho fatto davvero un passo avanti
allieva diligente
alla tua scuola
da bambina a gran fica
con un’anima in bilico
tra una bontà impietosa
e una malvagità innocente.

15 pensieri su “La “gran fica francese” del killer sentimentale”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...