Lazarus, il ritorno del soldato

katrina

Semplicemente sei tornato con la sapienza dei lazzari
hai sorriso complice ai non morti
in festa per te
hai accarezzato i loro zigomi
in un volteo da ballerino
di tango.
Io non provavo meraviglia, assuefatta alla tua morte
drogata d’assenza
e dunque alla tua resurrezione.
Loro ti chiedevano spiegazioni
sei la loro guida
come chi conosce i lunghi deserti della morte.
Il trionfo del guerriero.
Tu hai sorriso, il sorriso di quando mi hai lasciata sola
e li hai baciati
con il bacio di Giuda.
Poi mi hai abbracciata, il tuo ventre contro il mio
in brutale richiesta
la bocca sul collo ad abbrividirmi i sensi.
Io pensavo ad altro per non morirti addosso
affaticata di voglia
bruciata dalle stimmate di altri corpi
che han riempito di sabbia
la tua assenza.

2 pensieri su “Lazarus, il ritorno del soldato”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...