Volante tra le mani a 96 anni: un pericolo pubblico?

anziani al volante

Stamani  un altro spunto per un post dal mio antico paese tra gli appennini: ieri sera si parlava di un conoscente di 96 anni al quale è stata rinnovata la patente.
Ora sicuramente la visita medica sarà stata accurata e questo stagionato automobilista godrà di una salute invidiabile ma io, pur felicitandomi per la sua longevità e la sua forma fisica, mi chiedo se sia giusto dare la possibilitò di guidare una macchina a un quasi centenario. A questa età tutto può succederee all’improvviso, con il rischio concreto di mettere in pericolo non solo la vita dell’anziano conducente ma anche quella degli altri automobilisti.
Ricordo quando nel 2012 la patente fu negata a Margherita Hack perché aveva compiuto 80 anni: quel medico si giustificò dicendo che dopo gli 80 i riflessi rallentati non permettono più la guida…e la polemica divampò …m a oltre i 90 si tratta davvero di tutelare anche  la salute pubblica. Che ne pensate?

18 pensieri su “Volante tra le mani a 96 anni: un pericolo pubblico?”

  1. Sono d’accordo, la patente a questa età può essere fonte di pericolo per il guidatore e per tutti gli altri… Credo che arrivati ad una certa età nonostante l’ ottima salute di debba iniziare a dipendere dagli altri, che siano parenti, familiari o semplici volontari.

    Piace a 1 persona

  2. Sicuramente non ha più i riflessi e l’attenzione di un giovinotto,ma bisogna anche considerare che chi abita in montagna,in paesini sperduti e isolati tipo il mio, deve usare l’auto per forza per andare a fare la spesa nei paesi più grandi. Ci sono tanti vecchietti soli che vanno al baretto per vedere e per poter parlare con qualcuno,comprare da mangiare, le medicine, usano l’auto per forza anche perché magari camminano male.Per fortuna vanno pianissimo e si scostano per far passare.In città é diverso

    Piace a 1 persona

    1. mah..vedi il 96 enne di cui parlo è in ottima forma,non sembra davvero quasi centenario, ma l’usura dell’età c’è anche se non si vede, per esempio una emorragia cerebrale che insorge senza sintomatologia è frequente.Ora , se da una parte è la morte più benigna…pensa se succede mentre sta guidando…magari ammazza anche qualcuno …insomma bisogna pensare anche agli altri non solo a noi stessi…poi ognuno la pensa come crede, ciao marie antoinette

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...