Erotismo e pornografia: la differenza è tra due mondi, ecco che cosa scrive Anais Nin

erotismo

Balthus
“II sesso perde ogni potere quando diventa esplicito, meccanico, ripetuto, quando diventa un’ossessione meccanicistica.Diventa una noia non mescolarlo all’emozione, all’appetito, al desiderio, alla lussuria, al caso, ai capricci, ai legami personali, a relazioni più profonde che ne cambiano il colore, il sapore, i ritmi, l’intensità. L’ esame al microscopio dell’attività sessuale, con l’esclusione degli aspetti che sono il carburante che la infiamma (componenti intellettuali,fantasiose, romantiche, emotive) tolgono al sesso la sua struttura sorprendente, le sue trasformazioni sottili, i suoi elementi afrodisiaci. Il mondo delle sensazioni in questo modo appassisce, muore di fame. La fonte del potere sessuale èla curiosità, la passione: il sesso non prospera nella monotonia. Senza sentimento, invenzioni, stati d’animo, non ci sono sorprese a letto. Il sesso deve essere innaffiato di lacrime, di risate, di parole, di promesse, di scenate, di gelosia, di tutte le spezie della paura, di viaggi all’estero, di facce nuove, di romanzi, di racconti, di sogni, di fantasia, di musica, di danza, di oppio, di vino.

E’ con la presenza di tutti o di alcuni di questi elementi che possiamo riavvicinarci alla dimensione umana dell’eros,così ricca di immagini simboliche, indirette o suggestive, alla ricerca del piacere e del bello, capace di affrancandosi dai limiti della sola forza istintuale, della sessualità intesa come pura genitalità. Nel genere umano infatti, le tensioni, le pulsioni, possono nascere anche da canali apparentemente estranei alla sfera sessuale, come dall’ascolto di una musica, dalla lettura di un libro, dalla contemplazione di un’opera d’arte; questo è ciò che chiamiamo erotismo .

Ma il confine fra erotismo e pornografia non può che essere negli occhi di chi guarda: risponde infatti solamente a valutazioni soggettive. Oggi la società è diventata molto tollerante verso la pornografia: immagini pornografiche si trovano su riviste serissime e, del tutto inopportunamente, in trasmissioni televisive per famiglie, oltre che suvideogiochi ed in siti internet senza protezioni per i minori. Il movimento femminista degli anni settanta invece, aveva duramente combattuto contro la pornografia, vista, non a torto, come uno degli strumenti dell’oppressione della donna nella società, per il suo ridurla a semplice oggetto sessuale, priva di capacità di pensiero e di desiderio, o meglio,con desideri che non sono propri delle donne, ma appartengono tutti all’immaginario maschile.
La pornografia è, non a caso, responsabile della diffusa convinzione, da parte degli uomini, che le donne siano sempre disponibili ad essere penetrate, insultate, schiaffeggiate, umiliate, violentate, per soddisfare i loro istinti. La vita reale però, i desideri veri delle donne, molto raramente corrispondono al falso mondo della pornografia e si avvicinanomolto più alle atmosfere velatamente erotiche del romanzo rosa o della soap opera, anche se agli uomini non è facile crederlo”.

Ho voluto scrivere questo post per chi, con nonchalance, mette a pari livello pornografia ed erotismo: mi spiace per lui/lei, sbaglia, il sesso può essere una forma di conoscenza delle più alte, è Arte…altrimenti diventa solo povera,nuda pornografia , noiosa e squallida, per gente, parlando di scrittura, che legge con una mano sola, come diceva Voltaire.
Per scrivere di erotico non ci vuole solo cultura di linguaggio: l’erotismo va vissuto. respirato, come una forza vitale.

39 pensieri su “Erotismo e pornografia: la differenza è tra due mondi, ecco che cosa scrive Anais Nin”

  1. Direi però che in questi anni anche la pornografia ha fatto notevoli passi in avanti. Vi è pornografia creata da donne più sensibile alle donne (Erika Lust per fare il nome forse più famoso).
    Anche la donna si sta forse iniziando a smarcare dallo stereotipo che la pornografia sia solo per maschi e inizia a goderne.
    La pornografia è pornografia, non è reale e non ha sesso.
    Ve ne è di becera e di più intelligente. In fondo è sempre questione di cervello.
    Confonderla con il vero è forse l’errore più grande.

    Piace a 4 people

    1. è pornografia, mi spiace, chiamala come vuoi: ti presenta la scena già pronta con dovizia di particolari, al lettore non serve immaginazione. Mentre nell’eerotismo la mente del lettore vede la scena come preferisce…non è questione di confonderla con il vero, è solo pura espressione descrittiva di accadimenti che , molto spesso, veri non possono essere 🙂 non c’è creatività, insomma…ma è solo il mio parere, ciauuu

      Piace a 2 people

      1. non li stavo paragonando, anche perché tu mi pare che ti riferisca alla pornografia “visuale” e all’erotismo scritto, che già li rende profondamente diversi. Come libri e film per intenderci. quello che dicevo e che forse il giudizio sulla pornografia è a volte troppo di condanna anche senza conoscerla o avendone visto solo una parte. un po’ come giudicare l’erotismo dai biglietti più spinti dei baci perugina. eheheh (ovviamente estremizzo). inutile dire che comunque rispetto la tua posizione 🙂

        Piace a 1 persona

      2. sì sempre tenendo presente che una cosa è scriverne un altra è “viverlo” :-).
        e comunque chi ha fantasia nello scriverne in genere l’ha anche a letto…in genere… bacio ricambiato

        Piace a 1 persona

      3. anche io, volevo scriverlo prima. solo che ognuno di noi, giustamente, filtra in modo diverso le proprie esperieze sessuali, infine io sono femmina e bizantina d’animo, tu maschio, quindi con sensibilità diverse.

        "Mi piace"

  2. La differenza è nel modo di guardare e di essere e vivere i due mondi, la pornografia e l’erotismo. L’erotismo è più concettuale, la pornografia più materiale. Indubbiamente coinvolgere la mente e suscitare fantasia e emozioni è più difficile.
    Io preferisco l’erotismo, anche hard ma scritto, realizzato bene

    Piace a 3 people

    1. L’erotismo ti fa immaginare cose anche le più trasgressive….e usa l’eleganza del linguaggio, la pornogrfia ti serve il piatto pronto, cazzi e fighe, mi si perdoni, a rondeman…come dicono a Livorno 🙂 ma a ciascuno il suo…non discuto sulle preferenze altrui…ciao

      Piace a 2 people

    1. indubbiamente, antoinette, io ci provo spesso, sia con parole mie che con quelle di altri…ma da pochi sono intesa. Tanto per dirtene una un giorno ci fu chi mi scrisse che ci vuole del coraggio a scrivere di pornografia, mentre l’erotismo è per mammolette. meglio che ti ometta la mia risposta 🙂

      Piace a 1 persona

    1. qui parliamo di scrittura silviat…e proprio anais che scrisse a pagamento con Miller di sesso per un “commissionario” rimasto sconosciuto al medesimo si rivolse per spiegargli la differenza tra porno e eros. E non scrisse solo a pagamento, quello fu l’inizio. Quanto alla propria casa, che ci incastra, ognuno si diverte come meglio crede… BBB

      Piace a 2 people

  3. Permettimi una digressione solo leggermente satrica (visto che poi io a questa cosa ci credo molto). Io ho fatto della pornografia o meglio della pornometafora (come metafora ancorata alla produzione culturale del porno… che lo si voglia o no il porno è prodotto di una industria cinematografica quindi prodotto di una industria culturale), dicevo ho fatto della porno-metafora il sale di tante mie riflessioni e di tanti miei post. Premesso che sposo una definizione differente di differenza tra porno ed eros, che è quella di Carmelo Bene: “eros come rappresentazione di un desiderio porno come desiderio di un desiderare”… hai mai fatto caso a quanto utili i paragoni attraverso la pornografia (che è il prodotto culturale mediamente più fruito nel web) siano per spiegare più di un fenomeno sociale (anche solo a livello di satira)? E poi… Salieri e quel suo gusto caravaggesco…

    Piace a 1 persona

    1. mah…quello che dice carmelo bene francamente non lo capisco..mi pare solo una frase dieffetto .e sì che mi piace carmelo …quanto al gusto caravaggesco di salieri… mah..però a ciascuni il suo pensiero..apprezzo il tuo pensiero, ciauuu

      "Mi piace"

      1. Bene sostiene che l’eros è lo specchio di un desiderio… mentre il porno non è specchio di un desiderio ma bisogno di provare quel desiderio. Come dire, appunto, meccanicismo, rapporto strumentale con il porno perchè esso ci faccia tornare il desiderio. Mentre nell’eros la costruzione non necessita di risvegli, il porno è il tentativo mecanicistico di rievocare qualcosa che non c’è. Fidati, su Salieri

        "Mi piace"

  4. Ciao Viki, oggi che ho un pochino più di tempo del solito mi diletto a recuperare qualche pezzo…mi piace sempre molto il tuo modo di esprimerti e lo sai, ho particolarmente apprezzato questo pezzo dato che trovo la mancanza di eros una delle cose più deplorevoli nella relazione umana. E’ sempre tutto troppo veloce, sembra che manchi negli uomini, ma spesso anche nelle donne la voglia di far crescere la tensione erotica, di giocare (al gatto e al topo), di stupirsi e di sorprendersi a vicenda scoprendo e svelando il desiderio alzando un velo alla volta…

    Piace a 1 persona

    1. Bravissima, ecco che intendo: l’attesa, la tensione erotica dell’attesa, dell’incontro…l’eros è questo il porno è tutto subito…personalmente sono abbastanza bizantina da indugiare sui fatti e sulle parole 🙂

      Piace a 3 people

  5. Dunque…dunque, leggo che il porno serve a far tornare il desiderio mentre il desiderio senza porno rimane aleatorio.
    Ragazzi, questa e’ pura Filosofia quantistica pornografica, una della ultime branche della Filosofia del rigetto mentale, eh! si, dopo troppe “pippe” mentali e manuali, si cerca sempre di arrivare al……desiderio e metterlo in pratica con il porno.
    Bella giornata oggi cara Viki, peccato per questi studiosi di filosofia che possono farci venire il mal di testa, speriamo di no…… 😛

    Piace a 1 persona

  6. X Domenico:Insomma senza il porno non c’è desiderio? mi spiace domenico e carmelo…io divento narcolettica con il porno…mentre spesso basta una stretta di mano con un certo uomo perché mi si rimrscolino gli ormoni..quanto a caravaggio avvicinato a salieri mi provoca l’orticaria, detto in tutta chiarezza 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...