L’Arte e la pubblicità: inquinamento accettabile?

campari2

Una nuova moda sta imperversando: usare l’Arte a scopi pubblicitari.Il digitale è essenziale per trasformare la perfezione di secoli onde adattarla alle attuali esigenze.
Ma è cosa  lecita, giusta? e soprattutto: di buon gusto?

david lewis

Ecco il David di Michelangelo griffato Lewis

ferrarelle

La Monna Lisa acconciata a secondo dei gusti Ferrarelle

venere con cioccolatino

La venere del Botticelli che si trangugia un cioccolatino ferrero Rochas- chssà Ambrogio dove è finito 🙂

van gogh2

Manipolazione dell’Autoritratto  di Van Gogh del 1889 per pubblicizzare l’associazione che promuove la lingua e cultura francesi

michelangelo nokia

Michelangelo e la cappella sistina per nokia

18 pensieri su “L’Arte e la pubblicità: inquinamento accettabile?”

  1. La Pubblicità e l’Arte si relazionano. Poi c’è arte e arte e pubblicità e pubblicità. Ma qui si esce dal banale e ci si addentra nello studio della comunicazione e nell’etica. L’Arte stessa (uso la maiuscola solo per continuare in analogia col titolo) è una forma di pubblicità per l’artista.

    Piace a 2 people

  2. Sono convinto che l’opera d’arte debba essere fruita dal pubblico, ovviamente in condizioni di sicurezza per la stessa.
    Quindi ritengo che l’elaborazione digitale di immagini, non pregiudicando l’opera ritratta, sia fattibile, ed, al limite, anche utile a far conoscere le opere stesse: grande è l’ignoranza artistica del nostro connazionale medio ;).
    Ciao Viki

    Piace a 1 persona

  3. Ed arriva la voce fuori dal coro, cioè io. Io trovo che quelle manipolate e digitalizzate qui sopra, non siano solo opere d’arte ma veri e propri miracoli, veri doni di Dio, se mai esistesse…per me la Gioconda, la Venere del Botticelli, le opere di Picasso, Van Gogh, Michelagelo ecc., sono un qualcosa di sacro, di venerabile, una vera e propria religione perché mai e poi mai nessuno riuscirà ad eguagliare tale bellezza, tale armonia, tale perfezione estatica, quindi non sopporto che siano manipolate per una cosa così stupida come la pubblicità, per me è un vero e proprio sacrilegio!!! Mi viene il vomito. Ci vuole un rispetto totale verso questi capolavori, vanno trattarli come quello che sono cioè un tesoro inestimabile!!! Ricordo ancora con orrore la pubblicità della regione Calabria che usava i Bronzi di Riace come “attori”…..i have no words!!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...