Da 1 a 10 quanto vi piace il vostro lavoro?

maga

 

Ieri sera, dopo cena, ci siamo ritrovati com un gruppetto eterogeneo di amici: eravamo in dodici , dai 35 ai 50 anni; tra gli altri argomenti siamo finiti a parlare di lavoro.
Così, per gioco, ho posto la stessa domanda che ora faccio a voi e le risposte sono state ,a dir poco, sorprendenti.Solo in quattro  abbiamo assegnato un bel 10 al nostro impegno quotidiano, gli altri hanno dato risposte variegate, aggiungendo al voto le opportunegiusificazioni. Ci sono stati anche due zeri, di 50enni , tutti e due liberi professionisi di successo.
Evidentemente  il danaro  non  sempre è così importante.
E voi, che voto assegnereste alla vostra attività lavorativa, qualunque essa sia?

58 pensieri su “Da 1 a 10 quanto vi piace il vostro lavoro?”

  1. Faccio il mestiere più bello del mondo , la mamma a tempo pieno anche se é un lavoro non retribuito con denaro mi dà molto soddisfazioni . Come mamma faccio tutti i giorni l’autista per accompagnare le bimbe a scuola e nelle loro attività sportive che fanno nel tempo libero tipo danza , nuoto e pianoforte , faccio la cuoca , la donna delle pulizie lavo e stiro , la psicologa perché le ascolto con premura e le do consigli quando mi fanno domande classiche dei bambini tipo il perché per ogni cosa che non capiscono , faccio la babysitter perché le portò al parco giochi a giocare all’aria aperta , faccio anche la cantante perché a volte mi metto a cantare per loro con il karaoke che ho in casa 😀 e ricevo i loro applausi . Per me tutto questo mi viene ” retribuito ” da loro con parole dolci tipo sei la mamma più bella del mondo e tanti baci e abbracci. Un sorriso 💕

    Piace a 2 people

  2. Esco dal coro. Se mi avessi fatto questa domanda qualche anno fa ti avrei risposto un bel 8 oggi a mala pena ti dico un 6 e lo faccio più per il rispetto delle stipendio che comunque continuò a prendere – nonostante le riduzioni- che per altro. Lavoro in una grande azienda con grande autonomia (sono responsabile di fatto- non di inquadramento -del settore di cui mi occupo) Sono felice dell’autonomia raggiunta , delle repaondabilità che ho e mi piace il team di lavoro ma allo stesso tempo soffro perché sono figlia della crisi e se mi fossi trovata 10 anni fa a svolgere questo tipo di lavoro avrei avuto altri riconoscimenti. La mia azienda , come tante in Italia, stanno facendo molto saving sulla spesa del personale e questo alla lunga porta ad una demotivazione generale che non si dovrebbe avere quando hai ancora più di 20 anni di lavoro davanti a te.

    Il mio lavoro e l’attività che svolgo mi piace ma il contesto in cui in questi anni mi sono ritrovata a svolgerlo è diventato molto poco sfidante. Il blog rappresenta per me un momento di pura evasione da un contesto lavorativo pesante perché se il lavoro non manca fortunatamente manca invece la serenità del clima lavorativo.

    Piace a 1 persona

      1. è la fotografia di questi nostri tempi..in fondo hai un lavoro…è già tanto, lo so al pensiero di quei 20 anni che ancora hai davanti ti senti “al buio” ma c’è sempre la speranza che arrivino tempi migliori

        Piace a 1 persona

  3. Ho recentemente cambiato mansione (ero responsabile Uff. Spedizioni da 10 anni) ed ora sono Responsabile Uff. Acquisti nell’ azienda per la quale lavoro da circa 26 anni quindi il voto è sicuramente alto in quanto tutto è nuovo per me anche se impegnativo, quindi darei un bel 9 !!!

    Piace a 1 persona

      1. Quello di prima era bello ma mal pagato, al punto che non riuscivo a pareggiare. Questo di ora è ben pagato ma non mi soddisfa appieno. Non mi lamento comunque ☺️

        Piace a 1 persona

  4. Non è il mio lavoro,però sono re munito bene.non ho spese,perché vado a lavorare in bici.mangio a casa.come vedi ci sono i pro e contro.con i chiari di luna che ci sono,me lo tengo stretto.chi si accontenta gode,così così.ahahahahah.ma a te ti interessa il voto.allora mettiamo 7.sei contenta?

    Piace a 1 persona

  5. 10 … purtroppo …
    altrimenti avrei lascito qualche tempo fa, senza dover subire l’ignomimia di una chiusura per mancanza di commesse. Per ora, visto che continua a piacermi, chiudo soltanto il laboratorio, auspicando un0inversione di tendenza e, in ogni caso, far fronte alle poche richieste superstiti, intervenendo sul posto.

    Ciao Viki

    Piace a 1 persona

    1. Rettifico, più che la carenza di commesse, è la questione finanziaria, grazie al jobs act, la concorrenza (imprese edili che fanno restauro) ha notevolmente abbassato i prezzi, e non c’è più possibilità di vincere qualcuna delle pochissime gare che ancora si fanno, per un’impresa individuale.
      ciao

      Piace a 1 persona

      1. Lo scorso anno ho resistito perché dovrebbe ripartire la ristrutturazione post terremoto, i fondi sono stanziati, ma nulla si muove, e sembra che i restauri vengano assegnati alle scuole. Ovvio, sono gratis ;).
        Ciao

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...