Il sangue della gente del sud, sulle mani dei piemontesi. Il falso mito dell’unità d’Italia che costa ancora caro al meridione.

Il RISORGIMENTO va riscritto,questo articolo corredato da immagini è molto esemplificativo: nulla cambia sotto il sole, homo homini lupus, e questo non è pessimismo, è realtà…

VIKI

Liberi di Essere

Sogno il giorno in cui verrà finalmente detta la verità sull’unità d’Italia. Il giorno in cui i tanti anni di torture, stupri, violenze, furti, fucilazioni senza processo, deportazioni, verranno rivelati nella pubblica piazza, per far si che ogni singolo cittadino di questo stato, possa sapere cosa è davvero successo e perché il sud Italia sia stato segregato nel suo ruolo di peso morto. Tante cose avrei da dire, soprattutto sul modo in cui la verità è stata pilotata per oltre cento anni, o sulle motivazioni che spinsero i governanti a boicottare, e poi ritirare dalle sale cinematografiche, un film ritenuto molto scomodo “Li chiamarono briganti” di Pasquale Squitieri nel 1999, ma lascerò l’incombenza ad un passo tratto dal libro Terroni di Pino Aprile, Tutto quello che è stato fatto affinché gli italiani del Sud diventassero meridionali. Mi permetto di aggiungere alcune foto per meglio intendere ciò che gli…

View original post 1.029 altre parole

18 pensieri su “Il sangue della gente del sud, sulle mani dei piemontesi. Il falso mito dell’unità d’Italia che costa ancora caro al meridione.”

  1. Coucou VIKI
    Il pleut…. il pleut bergère…..
    Il pleut il mouille…. c’est la …..
    Voilà encore un lundi de passé, le mois de mai

    Soit disant le plus beau de l’année.. parait il…..au coin de feu….
    On aurait bien le moral dans ses chaussettes par un temps pareil
    Rien de spécial à faire ce mardi

    Pour toi
    Chaleur dans le coeur, sourire aux lèvres
    J’espère que tu vas bien….Prends soin de toi
    Je te souhaite une très bonne de journée
    et une très bonne semaine. AVEC DU SOLEIL SVP…..

    Chez moi la kata pluie et pluie Bisous BERNARD

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...