Mercoledì 22 giugno 2016-La gazzetta di Tiramigiù-Ultime notizie

melanzane-scamorza-pasticcio

Ieri pomeriggio è stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Fatemalefratelli di Tiramigiù tale Palmieri Alessandro di anni 35: il poveretto era stramazzato per terravicino alla sua macchina in preda a una grave indigestione che ha necessitato di lavanda gastrica.
Rimessosi il Palmieri ha raccontato ai medici la sua disavventura:

Non immaginate neppure quale sia il mio incubo peggiore: il ritorno a casa, il pranzo dellamamma che cade quasi sempre di  martedì, visto che ho il pomeriggio libero dal lavoro;perché io ho una mamma killer, voi non mi credete, ma è così. Single incallito,mi aggiusto con cucina cinese, volontariato (sono arrivato agli spaghetti al pomodoro), amiche varie di buon cuore;vado in palestra ,cerco di mantenermi in forma, infatti da qualche tempo lotto con una pancetta incipiente e con quasi evidenti maniglie dell’amore.
Insomma sono un trentacinquenne con pochi capelli e un inizio di pinguedine;ma è Lei il mio mortale nemico, Lei, la Mamma, che riesce ad annientare in un attimo tutti i mieibuoni propositi, in campo riduzione-cibarie; eppure anche il giorno dell’incidente , come sempre, ho pensato:- Questa volta resisterò alle sue lusinghe culinarie,devo, se non voglio passare la settimana successiva a piangere come un coccodrillo sulle calorie ingurgitate-
Così ieri arrivo a casa sua all’ora di pranzo:mi rallegro, perché in tavola vedo solo unbel vaso di fiori e pochi grissini, così penso che finalmente, ubbidiente alle mie raccomandazioni, mi abbia preparato un parco desinare, quando si spalanca la porta dellacucina, e un profumo paradisiaco mi investe (meglio di quello di cento odalische inamore):noooooooo!!!aveva cucinato lo sformato di melanzane con salsiccia,scamorza epomodori, la mia passione…

mamma-in-cucina

Lei, mentre avanza con la teglia fumante in mano,dice, con aria di finta umiltà :
-So che ti piacciono tanto,gli uomini soli,si sa,giusto due per un assaggino, quelli cheavanzano li mangiamo io e tuo padre,questa sera-
Cerco di controllarmi (mi immagino due enormi maniglioni amorosi,penso alla zia Dalia,120 kg),ma la salivazione mi diventa abbondantissima, gli occhi “pallati” sul piattone ora in centro tavola:non resisto, con mano tremante mi tiro giù una razione modesta, mentre lei dice:- Pochi, mi raccomando, che sei a dieta-
Oltre al danno anche la beffa…
In un attimo mi “sgovono” tutto e poi, mentre ormai le mie mani si stanno irrimediabilmente tramutando in zoccoletti porcini, passo all’attacco del resto del tegame, perseguitato da sensi di colpa, e penso: stasera non ceno e sono a posto;mentre mi slaccio la cintura dei pantaloni (che mi sta strozzando il colon intasato), la mia perfida Madre, fatto un saltino in cucina, porta in tavola un superbo arrosto con patate novelle. Riecco la salivazione a mille e le deboli proteste da parte mia: -L’assaggio appena, giusto una fettina di carne con due patatine,ma possibile che ogni volta mi rimpinzi come un maiale- al che lei,serafica:-Ma non mangiare , se non ti senti, mica vorrai sentirti male…-
E’ la fine, la disfatta completa:mi butto sul secondo,con animalesca voracità (ormai anche i miei occhi sono diventati occhietti suini);inutile parlare delle delizie orgasmichedella zuppa inglese al seguito e del limoncino( la mazzata finale) che fa lei, e che piùche un liquore è uno sciroppo densissimo, mistura micidiale di zucchero e alcool. Ora lamia pancia è un cetriolo gigante,non parlo più, grugnisco; mentre torno mestamente alla macchina meditando sulla mia facilità a trasformarmi da uomo in suino, all’improvviso tutto inizia a girarmi intorno, il resto lo sapete. Ricordo che pensai:
-Eccolo qui, è arrivato l’infarto…è riuscita a farmi fuori-
Invece era solo indigestione e sapete che cosa mi ha detto poco fa?Che mangio troppo, chedevo mettermi a dieta…

 
FINE

Questo post è dedicato a mio cugino Alessandro e alla mia zia-mamma killer 🙂

11 pensieri su “Mercoledì 22 giugno 2016-La gazzetta di Tiramigiù-Ultime notizie”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...