Non succede mai nulla qui, tra gli Appennini…

re-blog da “la nostra commedia” di Jalesh

VIKI

nei_vicoli_del_parrasio

Non succede mai nulla qui in mezzo agli Appennini, nel mio paese dove tra i vicoli respira ancora Obizzo Malaspina il sanguinario.
Mia madre e mia zia celebrano da sempre i rituali dell’antica casa.
Se ogni giorno piove ogni giorno lavano i vetri delle grandi finestre.
Da prima che io nascessi coltivano nei salotti polverosi piante verdi tropicali lussureggianti che muoiono e rinascono come per miracolo incorniciate da lunghe tende di pizzo bianco.
Girovagando per le stanze dagli alti soffitti ritrovo ogni volta gli odori dei i beati anni del castigo: canfora, cannella e quello pungente delle spezie che arriva galleggiando dalla dispensa dei miei tesori di bambina.
Dalle pareti mi osservano con astio vuoti occhi color seppia di antenati mai dimenticati.
Nel grande salone il ritratto della trisnonna sposa quattordicenne, fedifraga sedicenne, anima la parete di colori ancora vivi:pizzi, merletti e gioielli fanno di una bambina un’elegante vittima sacrificale.

View original post 49 altre parole

6 pensieri su “Non succede mai nulla qui, tra gli Appennini…”

  1. Splendido racconto con uno spiccato senso dell’abitudine a farla diventare una forma di rituale. Complimenti hai centrato l’argomento del tema settimanale. Buona giornata Viki bisous

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...