Morta Giorgia Libero, 24 anni: ha raccontato sul web la sua malattia. DOMANDONE: rete e cancro, quanto può aiutare il web?

Morta Giorgia Libero, raccontò su web lotta contro malattia

Giorgia Libero è stata sconfitta a 24 anni dal male che l’aveva attaccata  mesi fa e contro il quale ha combattuto con tenacia, coinvolgendo la rete in questa strenua battaglia dal letto del reparto di oncoematologia dell’ospedale di Padova. Accanto a lei, come sempre, il fidanzato Federico Morandi che nella notte ha affidato a Facebook la notizia del decesso.
La giovane di Casalserugo aveva commosso il popolo del web dopo aver raccontato la propria malattia, un linfoma che l’aveva distrutta nel fisico, ma non nello spirito, rendendo pubbliche, come una sorta di diario, le cartelle cliniche, gli esami, le foto del suo lento calvario. E’ dell’11 agosto il suo ultimo post, dove Giorgia, nel ringraziare tutti per i messaggie per l’affetto dimostratole, chiude il suo pensiero scrivendo: “È duraragazzi, ma solo quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare”.

da ANSA.it

DOMANDONA: la rete, in tragedie simili, quanto può essere di aiuto, sempre che lo possa essere?

18 pensieri su “Morta Giorgia Libero, 24 anni: ha raccontato sul web la sua malattia. DOMANDONE: rete e cancro, quanto può aiutare il web?”

  1. Secondo me condividere il dolore gli fa perdere potere: il calore e la vicinanza di tante persone che anche se sconosciute ti vogliono bene possono alleviare il male a livello psicologico. Purtroppo a livello fisico serve altro. Povera ragazza: se ne va una guerriera!

    Piace a 1 persona

      1. Ad esempio io voglio bene a parecchia gente che ho conosciuto virtualmente sui blog, te compresa, anche senza vederci. Si può capire abbastanza di una persona da quello che scrive e da come lo scrive.A me un malato non fa pena, mi fa venire voglia di stargli vicino per poter portare un po’ di gioia nel suo cuore

        Piace a 1 persona

      1. Anche per me la morte è un fatto privato, qualcosa di intimo, un raccoglimento eterno. Ma non è così per tutti: c’è chi trova conforto per il dolore e la paura nel rapporto con estranei, gente che è fuori dal dolore quotidiano che si vive con i famigliari.

        Piace a 1 persona

  2. Non è facile questa domanda …. giustamente la chiami domandano… dipende molto dal momento che vivi… mi spiego, quando ho avuto mio marito con questo maledetto male gli ha fatto molto bene comunicare con la rete perché lo teneva occupato ed io sicuramente ti avrei risposto si fa bene … ora io quando leggo queste tragedie che riaprono ferite ti risponderei no perché ora a me fanno male … come dice Einstein tutto è relativo

    Piace a 2 people

  3. Ho qualche esperienza tragica (non sto a raccontare, una tra l’altro è recente) ma non saprei che calore possa dare una chat.
    Mi spiace che è morta una mia coetanea, per il resto non saprei quanto possa aiutare il Web su queste cose.

    Ciao Viki!

    Piace a 1 persona

  4. Personalmente il web mi è stato di aiuto enorme all’inizio. Quando cercavo informazioni. Perché il nostro tumore era sconosciuto a molti, compreso il nostro medico curante.
    Ho scoperto per caso una chat specifica per la malattia e mi sono state date tutte le info che mi servivano. Addirittura in merito a come contattare il neurochirurgo di fama mondiale che poi ha operato mia figlia.
    Devo dire che per entrare nella chat mi dovevo fare forza. Era una fatica immane, a volte ci provavo per ore e poi scappavo. E’ stato durissimo scrivere a degli sconosciuti una cosa così personale e terribile per la mia famiglia.
    Conoscendo virtualmente le persone, ero poi passata a scrivere loro in privato e per me era più semplice.
    Non sono poi però riuscita a dare i feedback in rete dello svolgersi delle visite mediche, dopo operazione, ecc. Non ce l’ho fatta ed ancora ora, scriverne in questo momento non è facile.
    Per quel poco che posso dire, forse per i giovani è diverso, in qualche maniera riescono ad esorcizzare il male parlandone su internet anche perchè lo conosco molto bene e lo usano per tutto.

    Piace a 2 people

  5. cercare la vicinanza di chi per la maggior parte del tempo se ne sta lì a insultare e dire stronzate atroci???? MAMMAI! Mi dispiace molto, ovviamente, io però in quel ‘calore’ di fb non ci vedo né luce, né sincerità, né il cuore di essere vicini DAVVERO. ciau!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...