Ecche palle!

spinoso

Ebbasta…se qualcuno arriva ad uccidersi perchè la rete lo/la perseguita…ma non fa prima a spegnere le luci?
Insomma, sono in rete da 20 anni, ne ho avuto di persecutori, soprattutto perché scrivo di erotico e francamente il mio mondo è sempre stato quello reale pur condannando questi coglioni webbici nefasti.
Ma son coglioni ai quali i pruriti del sesso hanno reso la vita impossibile.
Trattasi di diseducazione cattolica o familiare, il risultato non cambia e sempre pruriti di sesso sono, chiamatelo anche machismo, come volete.
Cerchiamo di capire chi siamo e dove viviamo. 15enni o più…perché se qualcuno spera nell’azione legale in rete…è alice delle meraviglie che davvero si suicida.

14 pensieri su “Ecche palle!”

  1. Qualcuno è arrivato a proporre una patente anche per l’uso del web, io penso più modestamente ad un po’ più di buon senso: ogni cosa può trasformarsi in un boomerang, dovremmo cercare di soppesare meglio le nostre azioni…
    Bacio

    Piace a 1 persona

  2. ma scusa ti fai filmare mentre fai un glorioso pompino consapevole di che fine potrebbe fare quel filmato….lamentarsi dopo è un pò troppo facile per i miei gusti….fare una scelta come quella di uccidersi forse è un pò troppo da codardi….usare la testa potrebbe essere una buona soluzione.

    Piace a 1 persona

  3. Sono d’accordo ma parzialmente;
    il tuo ragionamento non fa una grinza se rapportato a persone “normali” e con un carattere “corazzato”;
    ma non me la sento di prendermela con una persona solo perché ha un carattere debole oppure se ha difficoltà a sopportare i carichi di cattiveria altrui e stress, dopotutto tutti sbagliamo per 1000 motivi (a volte anche per leggerezza) ma ciò non significa che per un errore si meriti una punizione così sproporzionata;
    coloro che hanno messo in giro una cosa “privata” senza autorizzazione … quelli si che meriterebbero una punizione “esemplare” … meriterebbero uno sputtanamento extra galattico;
    io credo che una persona “debole” vada aiutata … non accusata !
    meglio sarebbe stato poterlo fare “prima” ma ora … non me la sento di darle della “colpevole” … per me rimane comunque una vittima di qualcosa che forse non aveva previsto ma certamente non aveva voluto succedesse …
    🙂

    PS – poi che il Web sia un’anticamera non ci sono dubbi … può esserlo del paradiso ma può esserlo dell’inferno … sta a noi “districarci” 😉

    "Mi piace"

  4. Il web è così, perpetua e diffonde. Diffondere qualcosa sul web potenzialmente è come scriverlo su mezzo milione di muri.
    Non dico che il fatto – nello specifico – vada lasciato impunito, perché è molto grave, ma chi ha pubblicato il filmato è da accusare per grave danno esistenziale, per danno all’immagine e via discorrendo, diamogli ogni aggravante, diamogli pure di irresponsabile e diamogli il concorso in quel che è accaduto, perché così si insegna che anche con un click si può fare del male, però dopo ne paghi le conseguenza come succederebbe per aver messo la foto in bacheca dell’amica dell’università nuda.
    Quello che mi ha dato da pensare dopo sono le accuse ad internet. Ho sentito e letto che occorre imporre misure restrittive, di limiti agli anni necessari per iscriversi a blog, social e via discorrendo, di tracciare gli account per vedere se sono fake o appartengono a minorenni. Bè questo mi sembra una limitazione enorme alla libertà.
    E poi, com’è che fino ieri era grazie alla rete se questo o quel Paese sotto dittatura riusciva a far emergere le denunce e ora il web è il male assoluto?
    E poi che tracci? E poi chi traccia cosa? Perché si è visto quasi sempre che alla fine una percentuale dei controllori, è essa stessa bacata. E inoltre un altro messaggio che passa è: fai sesso (orale, anale, vaginale, quel che ti pare)? E’ male, se lo si scopre, se si vedrà in giro… subirai punizione divina!
    Bah… speriamo che non ci sia pronto un comitato per “internet tradizionale” o “l’internet pulito” …
    Ps.: io nel ’96 avevo Videoonline! Ma pensa te, son già 20 anni!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...