Bagheria-Palermo: il giardino del tempo che fu

giardino5

Nella notte inquieta
di caldo africano
il giardino esalava profumi
carnali, lascivi
aromi di carne un poco corrotta
di antichi marciumi, memoria
di altre estati infuocate.
I garofani pepavano l’aria
esaltando l’oleoso sfinente profumo
delle nivee magnolie.

Aleggiava nel buio gravido
di sospiri amorosi
il verde aroma della mentuccia
mescolato a quello infantile
della gaggia.

La dolce mortella mi induceva a sognare
golose montagne di multicolori
confetti.
In mezzo a quest’orgia di sontuosi profumi
l’agrumeto
al di là del vecchio muro diruto
riusciva a impregnare il guanciale
con l’odore d’alcova
delle nuziali zagare.

Di là tu mi chiamavi…

Annunci

12 pensieri su “Bagheria-Palermo: il giardino del tempo che fu”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...