DONNE A CONFRONTO

Featured Image -- 22176

-Questa notte quindi speriamo di assistere all’avverarsi dell’auspicio di Hillary: “Oggi facciamo insieme la Storia!”.
Certo ripensando a ieri sera a quanto si è visto in tv in cui un Ministro donna della Repubblica italiana, Elena Boschi,ripeteva a pappagallo degli slogan imparati a memoria per difendere, quasi istericamente, la riforma costituzionale di cui dovrebbe esserecoautrice, osteggiata validamente con esemplari argomentazioni di diritto dall’eminente ex presidente della corte costituzionale Onida,non nel merito ma su parole d’ordine impartite probabilmente dal guru della comunicazione politica da 400.000 euro,riuscendo a negarne pure l’evidenza dei video quando ha raccontato che era solo uno a strillare “fuori, fuori” alla minoranza del PD,viene da domandarsi quanti anni luce siamo lontani dalla democrazia americana.-

Tutto giusto, ma io la metterei in modo più chiaro: non facciamo paragoni, il perché mariaele sia ministra ormai lo sanno anche i sassi del mio giardino e nulla ha a che vedere con l’intelligenza e tanto meno con la cultura, passeranno alla storia gossipara le sue esternazioni demenziali.
Hillary , c he piaccia o meno, è intelligente, politicamente preparata, “ha più coglioni del marito” e non ha lenzuola a sostenerla, non le ha mai avute…l’indegnità peggiore per una di noi, a mio parere, le lenzuola…..
Fare paragoni è fuori dal mondo.
Io tifo per Hillary, una donna alla presidenza del paese più potente del mondo è l’avverarsi di un sogno. Incrocio le dita.

VIKI

ALGANEWS

DI MARCO ERCOLI
marco-ercoli
Questa notte per la prima volta nella storia degli USA una donna, Hillary Diane Rodham, nata a Chicago il 26 ottobre 1947,
first lady dal 1993 al 2001 poichè moglie di Bill Clinton, dopo essere stata per otto anni Senatrice dello stato di New York e Segretario
di Stato durante la prima presidenza Obama, forse sarà eletta 46° Presidente degli Stati Uniti d’America.
La nomina poi si formalizzerà con il giuramento e l’insediamento del 20 gennaio 2017, quando Hillary potrebbe essere la prima donna
a stabilizzarsi per 4 anni nella Casa Bianca a Washington per governare lo stato più potente ed influente del mondo.
L’America dopo un Presidente afro-americano sceglie una Donna come Leader.
E’ un risultato straordinario, il punto di arrivo di una lunga marcia del movimento femminista americano, le cosiddette “suffragette”,
cominciata il 18 agosto 1920 quando fu ratificato il XIX emendamento alla Costituzione degli…

View original post 415 altre parole

Annunci

24 pensieri su “DONNE A CONFRONTO”

  1. Hai detto benissimo: Hillary è altro dalla Boschi. Come Barak Obama è altro da Renzi: non vale più discriminare per genere. Si deve discriminare per intelligenza e capacità…
    Per quanto mi riguarda, ho fondati timori che la Clinton sia una guerrafondaia. Ma il suo rivale Trump è molto peggio, poichè è un contratto firmato in bianco, i cui contenuti dovrà metterceli il magnate delle truffe……
    Bacio…

    Liked by 1 persona

      1. è un modo di dire, intendo una donna forte, che sa prendere decisioni e se ne assume le responsabilità.Perché, non ti piace una donna così? a me sì, eccome…oppure pensi che hillary sia arrivata dove è ora ricamando a punto croce? che ci incastra quella befana della Thatcher?

        Liked by 1 persona

      2. Il tempo è trascorso, amica mia delizia: Hillary s’allontana nella storia passata. Ora ben altre sfide ci attendono: anzitutto scoprire se ci riserverà orrori e quali, il fatale Trump…….

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...