La tempesta

tempesta

Un odore africano saliva dal golfo attraverso la scogliera
coll’aumentare dell’umido libeccio.
Gli alberi del parco s’impennavano come cavalli sul punto di saltar
la staccionata.
Solo le petunie e le campanule se ne stavano immobili
sedute sulle pietre dei sedili come vecchie signore paralitiche
un poco spettinate dopo la festa del loro compleanno.
Le bignonie rampicanti adagiate nella larga culla del muro rovinato
vibravano danzando in bagliori d’arancio
nel lividore della sera.
Un fico d’india graffiava i vetri con le spinose unghie.
-Questa notte non dormiremo- sussurrò qualcuno.
Impaurita mi rifugiavo tra le tue braccia dietro una sigaretta
e un giornale.
La casa palpitava agli assalti del vento che correva sui tegoli
e precipitava dal tetto come un ladro maldestro.
Dalla scogliera saliva il fragore del mare cupo e compatto
muro sonoro che le note degli infissi -flauti violini timpani-
tentavano di sbrecciare.
Sul tetto della grande casa il gallo di latta gemeva indeciso
scricchiolando testa e coda in rotazione incerta.
…Ma la tempesta ci sfiorò soltanto: vidi una luna coronata
slittare lentamente sulla cima dei cipressi
e il veliero di mezzanotte pirata dei miei sogni doppiare
capo Bianco.
Allora mi addormentai nel tuo calore.

Annunci

18 pensieri su “La tempesta”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...