L’ultima neve di primavera

foemina2

L’ultima neve di primavera dovrebbe seppellirci ora, qui, in questo letto. Dicono che non si senta neppure più il freddo dopo qualche tempo.
Invece te ne andrai, come sempre, perchè ci sarà un aereo ad aspettarti.
Il mondo che abbiamo chiuso fuori per un giorno bussa a porte e finestre.
Il frastuono è insopportabile.
Resto immobile, le mani a intrecciare i capelli, fissando il soffitto nelle sue gibigiane di luce riflesse dall’acqua lacustre.
Ci lasciamo ogni volta senza parlare: le parole sono inutili per questi addii che non hanno un senso se non quello di farci più male ad ogni incontro.
Siamo dei sadici oppure dei Peter Pan?
Ti prego non te ne andare, non…
Quando chiuderai il portone ricordati di non lasciare il mio amore sulle scale…
VIKI, Novembre 2012. Il 2012 è stato un anno tumultuoso, sentimentalmente parlando…questi piccoli scritti in pratica costituiscono un diario 🙂

Annunci

11 pensieri su “L’ultima neve di primavera”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...