Leonor Fini, la pittrice ” figlia di una donna e di sua Maestà il gatto”

leonor1-Io sono la figlia di una donna e di un gatto. Mio padre è nientemeno che Sua Maestà il Gatto, lo provano i miei occhi: guardali, sono occhi felini-

Così si presentava Leonor Fini,artista sconosciuta in Italia ma famosa nel mondo.
Di lei scrive Sgarbi- che come critico d’arte va quasi sempre lasciato stare-E’ l’unica pittrice capace di rappresentare il femminino con una particolarissima sensibilità-

leonor2

autoritratto

leonor-3-la-guardiana-delle-fonti

la guardiana delle fonti

leonor4-la-pastorella-delle-sfingi

la pastorella delle sfingi

leonor5-la-serratura

la serratura

leonor 6 le bout du monde

le bout du monde

Nata a Buenos Aires il 30 Agosto 1907 , morta a Parigi nel 1996 dono una vita avventurosa in piena libertà, ebbe un’infanzia difficile, da girovaga insieme con la madre a causa del tormentato rapporto tra i genitori. Sin da bambina dimostrò una autentica passione per l’arte che coltivò per tutta la vita, contro il parere dei parenti che la volevano avvocato.
Fu artista eclettica, spaziò nella pittura, incisione, scenografia e costumi per cinema e teatro, design, illustrazione, scrittura.
Scelse di vivere a Parigi dove i riconoscimenti artistici non le mancarono. Conobbe i massimi esponenti della pittura e della letteratura surrealista -senza tuttavia unirsi ufficialmente al movimento- da André Breton a Salvador Dalí, da Paul Éluard a Max Ernst.
I soggetti preferiti di Leonor furono le figure femminili,nelle quali rivela una rara sensibilità anche cromatica, giovani uomini addormentati,gatti- i prediletti- sfingi, animali misteriosi, maschere, ritratti e soprattutto autoritratti,scene mitologiche.

Mi è molto piaciuto un libro di Corrado Premuda: “Un pittore di nome Leonor”,un titolo provocatorio, dove si parla della prima gioventù della pittrice trascorsa in una Trieste mitteleuropea, a cavallo tra la fine dell’Impero asburgico e la prima guerra mondiale.
Qui si formò la grande artista che poi divenne la Fini.
Per chi fosse interessato…

Annunci

20 pensieri su “Leonor Fini, la pittrice ” figlia di una donna e di sua Maestà il gatto””

  1. Abbiamo visto il suo magnifico “autoritratto” al museo Revoltella di Trieste, autoritratto che poi abbiamo trasportato a casa nella forma di un magnetino… Grazie di questo post e del suggerimento editoriale che è già “scivolato” nel mio carrello…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...