E’ molto più difficile…

8094811

È molto più difficile essere capiti facendo del bene che del male.

(Fabrizio de André)

Ho riflettuto molto su questa frase di Fabrizio e sono arrivata alla conclusione che ha ragione.
Infatti chi fa del male è bollato subito, suscita sentimenti di vendetta, dolore, astio, spesso si individua anche il motivo per cui si comporta così, azione-reazione, ma il sospetto è assente, insomma lo si capisce con chiarezza.
Mentre chi fa del bene può suscitare dubbi, domande sul perché compia una determinata azione che magari non è stata sollecitata, si sospetta spesso della sua bontà, quasi la si debba “sporcare” a tutti i costi.Sarà che oggi non siamo abituati a ricevere del bene, mentre il male, quello, è pane di ogni giorno…che dite?
Forse non sono riuscita a chiarire bene il mio pensiero…Voi come interpretate la frase di de André?

Annunci

40 pensieri su “E’ molto più difficile…”

  1. Quel micio è unico.

    Dunque, in un mondo con poche persone con giusti valori chi fa del bene (o almeno ci prova), viene sempre visto male… come un alieno quasi. Per il semplice motivo che molti si sono fossilizzati sul non aspettarsi nulla è magari, chiusi nei loro dogmi… vivere nel terrore dell’altro e robe simili.
    Terribile secondo me ma è una mentalità di molti, ovunque… poi boh!

    Liked by 1 persona

  2. É chiarissimo cosa vuoi dire. Penso che in qualche modo dia fastidio. Quando vado come volontaria in Croce Rossa, mi si chiedono spesso come faccia a trovare tempo. Le battute di solito sono: ma riesci a conciliare famiglia, casa, lavoro? E riesci a fare tutto bene?
    Poi ti dicono anche: io non lo faccio perché non vorrei fare più danno che bene.
    Insomma non solo tolgo del tempo alla famiglia ma il mio volontariato vale anche poco perché non sono medico…
    Naturalmente non telo dicono le persone che ti vogliono bene e che più contano per me… e quindi faccio finta di niente e “sorrido”.

    Liked by 1 persona

  3. Penso che una azione considerata “cattiva” sia più facile da giudicare, che sia illegale, immorale o quant’altro, le motivazioni per cui è sbagliata sono sotto gli occhi di tutti e oramai l’opinione pubblica si è sostituita anche alle decisioni delle aule di tribunale.
    Fare del bene invece a mio avviso è una cosa personale e soggettiva, io potrei voler aiutare un canile con una donazione perchè mi stanno a cuore gli animali, ma probabilmente chi ha degli interessi diversi dai miei troverebbe qualche scusante per sminuire il mio gesto (qualcosa del tipo “e i bambini che muoiono di fame” per intenderci).
    Credo che il classico bel gesto venga interpretato in maniera distorta perchè ci si confronta con gli altri e si cerca un paragone, forse l’invidia ci fa essere cinici?
    Non lo escludo.
    Io sono per il vivi e lascia vivere, specie quando si tratta di “sentito dire”, non si conoscono mai bene i dettagli e i retroscena di ciò che accade, sicchè dare giudizi è davvero inutile nonostante ci sia chi ci fa puntate intere di show televisivi sui “ma e forse”.

    Liked by 1 persona

    1. sì francesca hai ragione…certamente anche l’invidia può avere un ruolo rilevante…bravissima vivi e lascia vivere, comunque è assodato che far del bene è più” diffficile” agli occhi altrui che far del male …ciauuu ❤

      Mi piace

      1. Prova a sentire… secondo me lui sta interpretando bene la generazione dei cosiddetti “anni zero”, usa poi una parte di linguaggio e modi dire attuali inserendoli nei suoi testi per cantare e immaginare un futuro prossimo.

        Liked by 1 persona

      2. enri, usa l’eredità dei nostri migliori cantautori per pezzi visionari che hanno a supporto una bella voce, forse in alcuni tratti di respiri un po’ grezza, ma bella. grazie per la dritta ho scoperto un veronese che merita davvero

        Mi piace

      3. ecco e qui siamo nell’unico: la sua voce è la più carezzevole, calda, luminosa che abbia mai ascoltato. Sono appassionata di classica : per me esistono due voci uniche: la callas appunto e de andré nel “leggero”

        Liked by 1 persona

  4. più o meno come te :
    fare del male è una azione che provoca una sola reazione quindi è più semplice da ‘inquadrare’
    fare del bene comincia a dividere per le due o più possibili ‘motivazioni’ recondite, quindi più sono le ‘interpretazioni’ maggiore è la possibilità di NON essere capiti …

    ciao 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...