Il chiodo

rocchetta-mattei3

-Niente si imprime nella mente più profondamente di un ricordo che si vuole dimenticare-

( Michel de Montaigne)

Per me è vero, tanto che ho smesso di cercare di dimenticare. Lascio libera la mente di “pescare” dove vuole…ritengo che , ostinandosi a voler  resettare, si arrivi all’ossessione, insomma si finisca in fissa con “quel” ricordo.
Le vostre esperienze in proposito quali sono?

Annunci

42 pensieri su “Il chiodo”

      1. ..diciamo che fino ad una certa età li fanno i danni ma poi ci convivi, anche perché se usi il cervello i danni li riconosci e puoi “crescere”.buona serata carissima

        Mi piace

  1. Per evolverci e stare bene, dovremmo imparare a lasciare andare situazioni o persone che non migliorano la qualità della nostra vita. Solitamente non è facile non aggrapparsi alle cose, perché ci sentiamo più sicuri di fronte a ciò che conosciamo, e quando perdiamo qualcosa a cui siamo abituati, l’incertezza tende ad arrivare.
    Mi piace il pensiero di Jung che dice ”se riuscissimo a lasciar andare le cose, ci si accorgerebbe che il male si esaurisce, e si afferma il bene. Lasciate cadere ciò che vuole cadere; se lo trattenete, vi trascinerà con sé….”
    La soluzione è imparare ad accettare

    Liked by 1 persona

      1. e sì è la mia filosofia…ho imparato molto , ripeto, con jung, l’unico filosofo insieme a seneca che mi ha permesso di non odiare la filosofia in toto 😀

        Mi piace

      1. Ci sono cose che si possono dimenticare (dipende anche dal carattere) ed altre che basta lasciarsele alle spalle, per vivere bene.
        Io so sempre stato positivo, è un fatto di personalità.

        Mi piace

      2. mariarosa io sono oltremodo positiva ma questo non vuol dire riuscire a gettarsi alle spalle certe ferite…cerchiamo di essere realistici io purtroppo sono umana….

        Mi piace

      3. NO non è un fatto di personalità, ci son ricordi più o meno tristi, a volte orribili. e non c’è personalità che tenga, qui il superuomo non conta

        Mi piace

      4. Non è uguale per tutti Viki; chi sceglie di vivere bene, bene o male ce la fa. L’importante è andare avanti senza essere ossessionati da nulla. Io sono artefice della mia sorte, e ne ho ricordi molto brutti… semplicemente ho scelto di non esserne schiavo.

        Mi piace

      5. Ho i miei difetti ma non per questo devo essere un servo come tanti, se permetti.
        Io ho le mie scelte, mi hanno portato tante soddisfazioni… penso basti. Ognuno ha le sue 🙂

        Mi piace

      6. io ripeto non confido nel tempo, che poi il tempo siamo noi, che ogni giorno ci avviciniamo alla morte. preferisco il pensiero di jung, come dicevo a titti:-Lasciate cadere ciò che vuole cadere; se lo trattenete, vi trascinerà con sé. voglio essere io artefice della mia sorte

        Liked by 1 persona

      7. Sì, a parlare è facile ma a metterlo in pratica molto meno. A saperlo fare, a poterlo fare, bene ma bisogna anche essere nella predisposizione d’animo. Certo, ci vuole impegno. La nostra sembra una frase fatta ma non lo è. Almeno questa è la mia esperienza.

        Liked by 1 persona

  2. Credo che il cervello sia un organo estremamente delicato e volergli imporre delle regole sia
    del tutto impossibile; infatti conviene seguire l’andamento del periodo che si vive,aspettando
    che le cose, mentalmente, si sistemino stradafacendo…..

    Liked by 1 persona

  3. Come scrivi spesso e volentieri: “a ciascuno il suo” e vale per tutto. Le scelte sono tante e per fortuna non sono tutte uguali, in qualsiasi contesto.

    Smack!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...