Arborvitae: il cimitero green del terzo Millennio

arborvitae-green_-giant_

Arborvitae ovvero trasformarsi in albero nel cimitero del terzo millennio. Tale progetto, elaborato dalle paesaggiste Maria Cristina Leonardi, Consuelo Fabriani, Cloe Berni e Livia Ducoli, si presenta geniale e unico per l’ambiente , l’economica e la società.
Non più le fredde tristezze di tombe e loculi a separare la città dei morti da quella dei vivi occupando spazi sempre più preziosi, ma alberi ben curati in un parco protetto e integrato con il tessuto urbano, dove andare a ricordare i propri cari, passeggiare, leggere, magari sentire musica e, perché no, mangiare.
Un progetto unico al mondo per un cimitero che ancora non esiste, ma che davvero potrebbe diventare la soluzione più felice e democratica di seppellire i morti e onorarne la memoria.
Non si intende sostituire i cimiteri tradizionali, ma rappresentare un’alternativa per chi la dovesse preferire.
Tra chi vive e chi è morto si stabilirebbe un rapporto strettissimo – spiegano Maria Cristina Leonardi, Consuelo Fabriani, Cloe Berni e Livia Ducoli – Il cimitero che immaginiamo è un polmone verde aperto a una quotidianità d’uso, un bosco-giardino con percorsi, luoghi di sosta, aiuole e specchi d’acqua, pensato per i cittadini che dovrebbero proteggerlo e rispettarlo. E’ un bene comune e in questo senso per noi ha anche un valore etico-
Ovviamente è prevista la cremazione: l’urna realizzata in cartone riciclato e biodegradabile al 100% e formata da due contenitori: uno inferiore per la raccolta delle ceneri e uno superiore che contiene terra e seme. All’interno della confezione è previsto anche un disco in acciaio cor-ten con indicatala specie arborea prescelta e sul quale si potrà incidere il nome della persona a cui l’albero è dedicato.
-Ancorato al piede dell’albero, identificherà e caratterizzerà un percorso della memoria e della conoscenza.Ogni parco nascerà da un progetto paesaggistico e botanico unico – racconta Maria Cristina Leonardi – concepito per lo specifico del sito, per il quale verranno selezionate specie diverse, adatte al clima, al terreno e all’areale geografico. Tra le diverse specie arboree proposte, ogni persona avrà la possibilità di scegliere quella che preferisce-

Personalmente la trovo un’idea magnifica, un progetto che mi auguro possa realizzarsi al più presto.

Annunci

22 pensieri su “Arborvitae: il cimitero green del terzo Millennio”

  1. Bonsoir ou bonjour VIKI

    Une belle amitié
    C’est deux mains sur un clavier
    Le passage sur un profil

    Une image que l’on dépose

    Sur une personne que l’on apprécie
    De quelqu’un gentil et sage
    On dépose des petits mots bien placés
    Dans ce joli petit monde
    Moi je suis toujours là pour faire sourire
    Et cela me fait toujours plaisir
    Au fond de mon coeur
    Je t’offre ce bonheur
    Je te dis bonne nuit ou bonjour

    gros bisous

    Bernard

    Liked by 1 persona

  2. apprezzo pure io : una cosa che non conoscevo ma che condivido.
    Anche da ateo devo convenire che “polvere eravamo e polvere ridiventeremo” e quindi un ritorno alla madre terra è la cosa più bella che si possa attuare;
    inoltre eviterebbe quella squallida visione di tombe di serie A, B, C, dovute alla diversa situazione economica del defunto …
    per me esiste solo la ‘livella’ di Totò …
    Ciaooo 😉

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...