Hanno diritto come noi a dei sentieri

morti10

Painting by Jacek Yerka

Mi chiedo dove abitano i morti,hanno diritto come noi a dei sentieri
sono impronte di parole i loro passi
la voce,più chiara della nostra e verde di clorofilla
è linfa dei fogliami più alti, quelli vicini al cielo.

La fenice delle sabbie ha forse costruito per loro un castello?
Ha apparecchiato una tavola con candidi piatti d’ossa?
Oppure si accalcano tutti dentro i ventri cavi di antichi alberi
stretti tra le morbide piume di  predatori notturni?

Forse vivono nelle foglie d’edera, dove al sopraggiungere del buio
le parole migrano lungo muri scrostati per arrivare fino a noi
che con crudeltà le laceriamo come rampicanti non voluti.
La nostra mente è malsicuro porto in cui è pericoloso confidare
ma loro, i morti, questo non lo sanno.

25 pensieri su “Hanno diritto come noi a dei sentieri”

    1. ma che dici… che ti fumi tesò…per i cattolici, tipo la mia famiglia, oggi è il giorno dei morti , ieriera quello dei santi. Per i celti -pagani-era Samhain, e da qui il primo novembre, in cui si celebrav a il buio, l’inizio dell’anno, la morte, intesa come la” fine” della luce del sole. E soprattutto nella notte tra il 31 e il primo si festeggiava l’incontro tra i defunti e i vivi. Quindi non ti capisco. Che c’entra che non devo pensarci…è fantasia, immaginazione la mia, guai se non l’avess, è un gioco. E non lo saprò proprio perché credo che la fine sia proprio tale, THE END.
      ciauuu

      Piace a 2 people

      1. Dici che con la morte finisce tutto… o che, se c’è l’incontro coi defunti c’è qualcosa che continua?
        Buon pomeriggio Viki.
        Quarc

        P.S.: Bella l’immagine. Quegli alberi e quelle luci… sicuramente parlano. Mancano le panchine.

        Piace a 1 persona

      2. mah quarc non mi riesce proprio di credere a un re-incontro in un aldlà tutto da immaginare..ma ti dirò non è che mi importi, insomma con woody allen penso: se mai, ci penserò al momento, ora cerco di giocarmi al meglio le carte che ho in mano…e godermi chi amo, ciauuu ❤

        "Mi piace"

      3. interessante lo studio dei morti , come feci a mio tempo con le monete . Lo studio di un qualsiasi cosa ci mostra la differenza di pensiero e di evoluzione di nostri simili .. bella l’espressione la morte come la fine della luce del sole .. se tornassimo agli antichi egizi si portavano ori e se non erro pure il mangiare .. noi abbiamo il caronte .. ma è stato corrotto pure lui vuole la tangente per traghettare .. per il resto il buio noi lo chiamiamo eterno …

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...