Ma senza la purga in omaggio non vale

fascismo10

fascismo20

Intanto in uno Stato che si rispetti – non è il nostro caso– questo non sarebbe successo perché il Sig. Ursino in questione non avrebbe potuto viaggiare liberamente per strada, ma soggiornare nell’unico posto che legalmente gli compete: la galera quale segretario di un movimento dichiaratamente fascista.

Leggere la nostra costituzione, please.

Per finire, senza olio di ricino non vale, ennò…questi cari ragazzi nostalgici devono rivivere in tutto e per tutto la loro ideologia, pestaggi e olietto depurativo 😀  😀  😀

21 pensieri su “Ma senza la purga in omaggio non vale”

  1. Pienamente d’accordo, mia deliziosa fanciulla: ci fosse un minimo rispetto delle regole in questo disgraziato Paese, questo personaggio non avrebbe potuto permettersi di andare in giro a provocare mostrandosi rappresentante di quel partito infame e fascista. Già si sarebbe ritrovato in galera di suo. Ma ciò non assolve la stupida violenza di coloro che l’anno picchiato e legato, facendo un favore a lui ed ai suoi scherani, tanto bisognosi di pubblicità e, bramosi, d’un pronto ritorno alla teoria aberrante degli opposti estremismi d’infausta memoria. I fascisti è vero che stanno tornando e sono sempre più tronfi. Ma è cadendo nella trappola delle loro provocazioni, che si rischia di finire per fare il loro gioco…
    Bacio

    Piace a 1 persona

    1. ma sai… intanto le ha prese…mica si può sempre stare a guardare facendosi offendere giornalmente: la regola del non abbassarsi all’altrui livello per me va trasgredita, quando è necessario. e qui era necessario, lui o un altro del gruppo è lo stesso, pensa allo spada che ha preso a manganellate il giornalista, fosse stato il mio uomo, il giornalista, lo spada entrava nelle voci bianche

      Piace a 3 people

      1. Ahahahahahah!!! Non avrei voluto essere nei panni di quello spada, ridotto a straccetti in un piatto di pennette con pomodorini! A parte gli scherzi: esistono anche delle opportunità politiche: costoro sono in cerca di visibilità. Far liquidare la vicenda come questione di opposti estremismi, finisce per dare loro legittimità come ai tempi infausti in cui tutto veniva riassorbito in questa logica. Non cadere in questa logica è molto importante: sono loro i violenti che cercano in tutti i modi di affermare la loro ideologia con la violenza. E’questo che deve emergere. Cercare di contrastarli, ponendosi sullo stesso piano, non è un bene per la causa antifascista. Di questo sono convinto.
        Ribacio

        Piace a 1 persona

      2. Lo stato si comporta come sempre: sia ai primordi dello squadrismo fascista nel cosiddetto biennio rosso, sia tra gli anni sessanta e settanta, con la famigerata teoria degli opposti estremismi, in cui far confluire stragi eterodirette e perpetrate da frange fasciste supportate da servizi segreti esteri e interni. E’questo pericolo che bisogna rifuggire. E, se proprio si vogliono regolare dei conti, è sempre meglio attendere…

        Piace a 1 persona

      3. In questo modo li si aiuta ad andare in parlamento: non aspettano altro che poter fare le vittime, lo sai anche tu. Quando fanno il loro squadrismo cercano sempre di farlo in modo discreto. Sono furbi come volpi…

        "Mi piace"

      4. non è vero, non sono furbi, ma neanc he un po’, l’ottusità esclude l’astuzia e non fanno le vittime. son talmente tronfi che non si abbasserebbero mai al vittimismo. chi li vota è l’italica gente come loro, quelli che non capiscono la satira, né tantomeno l’ironia, e la storia l’han studiata al circo orfei. con questo ho detto tutto. e pestandone uno non li aiuti ad andare in parlamento, anzi. nell’altro modo, tacendo, sì, inutile comunque continuare: siamo all’opposto di pensiero.

        Piace a 2 people

      1. Con quella gente non si devono avere dubbi. Combattere il fascismo equivale a combattere i mafiosi (entrambi cani da guardia del potere). Di certo non si devono menare tutti i vari militanti ahhah ma basterebbe un po’ di sana cultura, dato che quella di quei precisi schieramenti è pura sottocultura.

        Piace a 1 persona

      2. i dubbi ce l’avevo sull’appendimento…reale, quello metaforico è sacro per me da un pezzo. ursino e compagnia andavano fermati prima, rinchiusi e gettata via la chiave. La storia la si dovrebbe conoscere: per rinfrescare la memoria allo stato italiano ricordo “terza posizione” gruppo eversivo di estrema destra, fine anni 70,fondato da Roberto Fiore, Massimo Morsello, Gabriele Adinolfi , congrega di assassini, stragisti e molto altro.Oggi roberto fiore è leader di forza nuova mentre l’adinolfi è l’ideologo di casa Pound. Allora, andavano fermati oppure no? A chi convengono questi pericolosi cialtroni?

        "Mi piace"

      3. Nella Guerra Fredda furono tutti riciclati per combattere il “pericolo rosso”. All’epoca venivano comunque contrastati per bene. A sto punto ti cito Stefano Delle Chiaie… collegamento fra: ambienti reazionari, mafia, dc e company. Sta gente non ci doveva essere ma allo Stato liberale fan comodo.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...