L’ACETO DEI 4 LADRI

aceto4ladri-dipaolanatalia58

 

L’aceto dei 4 ladri, nome assai pittoresco, ha una storia tutta da raccontare sulla sua origine.
Sentite:
Pare che, nel 1630, durante la tremenda peste di Tolosa, quattro ladri spericolati entrassero nelle case dei moribondi e dei morti per derubarli di tutto, assolutamente incuranti del possibile contagio.
Quando vennero presi, si chiese loro come mai non avessero paura della malattia mortale :il giudice disse loro che se avessero rivelato il prezioso segreto della loro immunità, sarebbero stati graziati.
A questa promessa i ladri riferirono che per salvarsi dal contagio si bagnavano i polsi e le tempie un paio di volte al giorno con un macerato preparato con varie erbe, la cui origine si perdeva nella notte dei tempi, tra cui :

SALVIA
ROSMARINO
TIMO
LAVANDA

Da quel giorno questa ricetta prese il nome di ACETO DEI 4 LADRI che venne riconosciuto e formalizzato dal Codice Ufficiale Francese del Corpo Medico nel 1758.
Agli ingredienti originali vennero aggiunti:
cannella
acoro aromatico
aglio
Che però non compaiono nella ricetta di famiglia, al loro posto noi ne inseriamo altri.

Eccovi quindi il mio aceto dei 4 ladri:

mettere in un vaso, possibilmente di vetro scuro

un cucchiaio di   piccole foglie  di canfora triturate
un cucchiaio di foglie di salvia triturate
un cucchiaio di foglie di rosmarino triturate
un cucchiaio di foglie di timo triturate
un cucchiaio di foglie di fiori di lavanda triturati
un cucchiaio di chiodi di garofano schiacciati
un cucchiaio di ginepro (ramoscelli e bacche) triturato
un cucchiaio di foglie di alloro triturate

 

Quindi si aggiunge 1 litro di aceto rosso, possibilmente prodotto da vino “vero” e si lascia macerare il tutto per sette giorni prima di filtrarlo.
Questo aceto, per i suoi componenti, ha forti proprietà antisettiche, antibiotiche, antinfiammatorie, antimicotiche, febbrifughe, insettorepellenti, e bechiche, cioè attive contro la tosse.
Può essere conservato a lungo. E’ utile per prevenire le malattie virali ed epidemiche (due gocce ai polsi e alle tempie mattino e sera come i famosi ladri).
Per combattere le emicranie è una mano santa: provare per credere, basta massaggiare la fronte o le tempie più volte al giorno usando il preparato.
Per non parlare del suo aroma: utilissimo per stappare nasi infiammati in casi di forti raffreddori.

Io ne tengo sempre una bottiglietta a portata di mano.

8 pensieri su “L’ACETO DEI 4 LADRI”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...