Rughe acide (una letterina a chi teme l’oblio)

dorian gray

Il ritratto di Dorian Gray

(mai stato così attuale)

Ripeto che, per ora, sono apartitica per quanto riguarda l’Italia. Ma sono una lettrice “politica”, e non solo, onnivora. Così,quando leggo un rumentaio di giornale come Libero, ovviamente proprietà di berlusconi, non  so resistere alla musica della satira sul premio Nobel di arcore alla corruzione, nobel che tiene un insopportabile brucia’culo, come si dice a Livorno. E quanto gli brucia soprattutto di avere 83 anni e poi di contare politicamente un beato caspio…ma che problema c’è,una bella plastica anche lì, cavalierone, e poi c’è sempre la bancarella della compravendita politici, ovvìa 😈  😈  😈

Eccovi quindi dal blog di Beppe Grillo l’articolo autentico senza aggiunte “interpretative” di giornalisti da camerino ( cesso per i non livornesi).

Rughe acide (una letterina a chi teme l’oblio)

E’ vero, un ex badante disarcionato, senza cavallo e senza partito, che si sbraccia affannosamente per stare a galla, è un po’ triste.
Vederlo agitarsi astioso per richiamare i suoi ex alleati in fuga, offendendo ancora il MoVimento, muove anche i più duri di cuore. Ok, a questo giro non siamo neppure capaci di pulire i cessi, questa è la sentenza ultima che sibila da dietro il cerone; sebbene il primo pensiero vada a quelle povere latrine, viene da chiedersi: da dove proviene questa ossessione per i cessi dell’ex badante? n.d.r. prima di nipoti apolidi e poi di anziani a Cesano Boscone.

Riguardo la nipote minorenne era certamente ispirato da un’incontenibile generosità e per i vecchietti di Cesano deve essersi trattato di un pentimento, di una gradazione possibile soltanto per chi è stato unto dal Signore.
Coraggio…a 77 anni badare agli anziani invece che alle minorenni deve aver rappresentato il coronamento del sogno di un uomo davvero unico, qualcosa che le future generazioni tenteranno certamente di imitare, un sex symbol funambolicamente estremo.

Per una volta non ha dovuto dirselo da solo…di essere unico.

Siamo consapevoli che la sua biografia, in parte sotto gli occhi di tutti, impedisce di ricevere come offese i suoi ultimi apprezzamenti nei confronti del MoVimento; detto da un Tycoon che non è riuscito neppure ad andare a puttane (quella è la definizione esatta) senza coinvolgere un’intera nazione può essere accolto soltanto come il rinculo di uno sfogo!

Ma non abbandoniamolo a quella solitudine glaciale, nessuno deve restare indietro.La speranza, dopo aver assistito ad ogni genere di peripezia rovesciata sul palcoscenico della società italiana, è una sola: vederlo elevarsi, volare via avvolto in una nube di mistero.
Ma forse lei è preoccupato? Teme che non la seguirà nessuno? Non è così, ad ogni puntata di “Di Martedì” Eugenio Scalfari-altro mito, nota di Viki– si allena per starle dietro. I vuoti di memoria dei media rendono un incubo il passaggio dal gossip forzato ai libri di storia? Si confidi con Eugenio, ché ha progetti su di lei, è certo meglio di lasciare che il suo humour (per quanto dozzinale) si trasformi in bile.

di Beppe Grillo e il suo neurologo

Aggiungo un salutino personale ad altri due tromboni forzisti, Tajani e Toti,  fieri rappresentanti  col berluska del  partito del PIL…ops  scusate, del PILU, quello vincente di  Cetto Laqualunque 😀

VIKI