Il mio canto del Sud

Quanto calore, quanta passione Lucia…il tuo Sud è splendido

arcobaleni

ormedanima

Onde d’Ostro e Scirocco
tra le costellazioni del mare,
è il mattino a vestirmi di sabbia ….

le mie braccia sono canneti al sole
e cammino frugando echi e misteri
nella pineta giù fino al mare.

Un pentagramma d’alghe
è disteso sulla battigia
in paese lassù stan preparando la sagra,
in cucina le donne
e ad ogni angolo un gatto
è poliziotto del posto.

Le pietre dei giorni
son pane tra il vino fiumara
in gola il succo d’arancia e limoni
è il parto che sempre mi doni
e il vagito di vita si fa fisarmonica
in danza e dialetto.

Come una vuota conchiglia
tra le mani di un vecchio
che in fronte ha l’arsura
dei giorni vissuti
e un pescatore a sottrarre
al mare il respiro dei pesci

come un bimbo che impara
la casa e la strada, e assaggia
goloso il suo fico d’India
pungendosi con le sue…

View original post 22 altre parole

2 pensieri su “Il mio canto del Sud”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...