L’amore al tempo dei Faraoni: matrimonio, divorzio e adulterio

donne-egizie-702x336

Stiamo parlando di 4000 anni fa, quando all’ombra delle piramidi il matrimonio era considerato il naturale modus vivendi delle donne e degli uomini adulti. Pochissimo sappiamo sul come venissero scelti i futuri consorti, a parte l’usanza, nelle famiglie reali, di sposarsi tra fratelli per diversi motivi.
A quanto pare quasi sempre, faraone e parenti a parte, vigeva la monogamia, anche se abbiamo rare notizie di uomini non appartenenti al clan regnante che avevano più di una moglie.
Non era prevista alcuna cerimonia civile o religiosa che legittimasse l’unione: il matrimonio era tale quando un uomo e una donna mettevano su casa insieme.
Il divorzio, frequente, era effettivo quando le coppie si separavano: sia le donne che gli uomini potevano risposarsi.
Due le principali cause: l’assenza di figli e l’adulterio; in questo ultimo caso,se l’adultera era la donna, doveva rinunciare alla parte dei beni di cui disponeva da sposata.
La comunità considerava l’adulterio una colpa grave per tutti e due i sessi: per esempio era inaccettabile che gli uomini avessero una relazione con donne sposate. Questo perché ogni uomo voleva essere sicuro che i suoi figli ed eredi fossero davvero sangue del suo sangue, mentre la maternità, di certo, non era mai messa in dubbio.

E’ interessante a questo proposito una lettera scritta da una donna della XX dinastia vissuta a Deirel-Medina, il villaggio degli artigiani a Tebe ovest , dove si parla dell’aspro risentimento di tutta la comunità nei confronti di un uomo che aveva portato avanti una relazione con un’altra donna per otto mesi senza divorziare dalla moglie.
Solo un funzionario del governo riuscì a impedire che l’adultero e l’amante fossero linciati; egli altresì dispose che il marito dovesse regolarizzare la sua posizione scegliendo una delle due donne…

10 pensieri su “L’amore al tempo dei Faraoni: matrimonio, divorzio e adulterio”

  1. Leggendo, vien da pensare come si fosse molto più civili di adesso su certi temi sociali e umani. Ma, del resto, ne sono sempre stato convinto del fatto che, la colpa principale per questo arretramento di civiltà, sia da addebitare principalmente alle religioni ed alle gerarchie ecclesiastiche ad esse connaturate: il potere passa anche e soprattutto, attraverso il controllo esercitato nelle camere da letto dei sudditi e cittadini.
    Besos de fuego querida!

    Piace a 2 people

  2. ecco ….quando mettevano su casa insieme ..mi piace,
    oggi è tutto un bisness ogni evento deve cmq essere motivo di spesa e così che i giovani si allontanano dall’altare e proferiscono quello civile ..invece due cuori ed una capanna il buttarsi in una relazione che ha già il sapore della convivenza (e non ne faccio una distinzione politico/religiosa ma bensì un accurata spesa che i giovani fanno risparmiando per la loro vita e non per il fasto di un giorno, tanto la maggior parte delle volte l’intesa è quella dentro il talamo).
    Anche il divorzio molto semplice e veloce ,cosa che al giorno d’oggi crea molto foraggio per avvocati civilisti
    Per l’adulterio beh li nessuno giura per l’eternità e quel ..fin che morte non separi ciò che dio unisce.. al giorno d’oggi va un po stretta
    l’amore è bello fin che dura e ci sono tante belle cose condivise che fanno superare crisi, ma quando i cocci sono rotti la convivenza comincia a vacillare…
    Infine si i piedi su due staffe fa pensare un po, ma noi toscani abbiamo assimilato il decameron del boccaccio e ci sollazziamo virtuosamente 😀 😀 😀

    Cmq eccoci alle cose serie, se esiste tanta confusione per i divorzi (son denari)vuol dire che il problema è il matrimonio che nell’arco dei secoli faceva da collante, nelle unioni al giorno d’oggi (dopo lo sfarzo iniziale) viene recepito come un cappio e diventa un tunnel da cui se ne vuol uscire.
    Sono d’accordo con Silviatico che il matrimonio è nel letto e non nell’anello.
    Poi penso anche due donne con un uomo o viceversa e non è adulterio è soltanto scambio di vedute 😀

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...