Come riuscire a farsi degli amici al di fuori dei socials

amici

 

Ovviamente facebook è solo uno dei tanti socials …per molti  bloggers anche di W.P. è lo stesso…Il virtuale diventa reale e viceversa: per mio conto questo è aberrante, altro che i followers del malcapitato della vignetta ci vorrebbero 😀

42 pensieri su “Come riuscire a farsi degli amici al di fuori dei socials”

    1. e come fai a sapere chi sono realmente quelle persone, donne uomini, robots? si fa per dire… solo con chi conosci nella realtà puoi avere autentici rapporti di amicizia…il resto è piacevole scambio di opinioni , capita anche a me, ma in caso non fo proclami di tradimenti, bugie, abbandoni…spero di essermi spiegata, senza voler offendere nessuno, si intende, poi ognuno può pensarla come crede, ciauuu ahh odio giocare a carte senza vedere in faccia l’avversario 😀

      Piace a 2 people

      1. non lo so, possono dichiarasi uomini e poi essere donne e viceversa. Per i robots è più palese:muovono sempre le stesse pedine seguendo lo stesso schema e sono ufficialmente dichiarati.Pensa che li vinco anche.
        I social e i blog del genere che dici mi pare si chiamino intimisti. Una scelta comunque da rispettare anche se il reale non teme il confronto.

        Piace a 1 persona

  1. wp è un social perchè raggruppa più utenti che possono interagire su temi vari, condividendo o dissentendo. Lo stesso Anobii per i libri e altri che non so per musica, moda, ecc…Che cosa abbia fb in più non so, forse le chat private. Boh…come il personaggio del cartello anche io NON ho fb.
    Non per questo vado in piazza a sciorinare le mie cose a persone reali sì, ma sconosciute. Meglio il virtuale se mi venisse questa esigenza.

    Piace a 1 persona

    1. Dimenticavo
      Il virtuale ha un pregio che il reale a volte non ha: può essere privo di condizionamenti legati alle esperienze. La sovrapposizione con il reale è sbagliata, il virtuale tale è e tale deve essere la sua visione. Avere chiara la collocazione è fondamentale così come il suo uso. Che io, che non so nulla di te, ma che apprezzo ciò che scrivi e ciò che vuoi farmi sapere di te, riesco a trovare momenti di condivisione delle esperienze e di idee, non mi sembra così mostruoso. A volte mi può risultare più difficile fare lo stesso con la collega di ufficio che ho di fronte da anni per vincoli, …come dire?, …ambientali?
      Spero di essermi spiegata anche io, non è un’ode al virtuale, è una riflessione verso un nuovo modo di comunicare, per quanto incerto e subdolo possa essere.

      Piace a 1 persona

      1. Mi sono ricordata di una cosa a proposito di blog intimisti
        qualche anno fa iniziai a seguire su wp il blog di una ragazza tutto impostato sulla sua situazione familiare, in particolare contro il padre che aveva abbandonato tutti. Scriveva senza riserve, naturalmente in anonimato, e scriveva forte e duro. Cercavamo di rassicurarla, di risollevarla da uno stato depressivo evidente. La ragazza scrisse che l’idea del blog l’aveva avuta il suo terapista per tirarle fuori rabbia e dolore. La scrittura sa essere terapeutica. Comunque, era troppo triste e angosciante leggerla e alla fine mi allontanai. Due mesi fa sono entrata nel suo blog e ho notato una netta trasformazione: post sereni di vita quotidiana, di musica, di scuola, di fidanzatini, di moda, cose normali per una ragazza di 17 anni Mi ha fatto tanto piacere, il consiglio del suo analista è stato positivo.
        anvedi che può fare la blogsfera!
        🙂

        Piace a 1 persona

  2. Non dimentichiamoci che il potere è quello di comandare e oltre al potere economico vi è quello politico. La comunicazione è la via per spargere le proprie idee ma anche per inculcare idee. Ecco i social ricordate quel gioco estremo di persone che alla fine si dovevano gettare dall’alto dei palazzi? e la politica che è entrata prepotentemente nei social fino a condizionare le scelte ? Come in tutte le cose ci sono i pro ed i contro , il positivo e negativo .Sono d’acordo che il virtuale non a niente a che vedere con il reale .Un amante reale ti fa morire, una virtuale stimola fantasia ma non ti fa morire. I social non vanno demonizzati sono strumento di scambio di rapporti , poi sono questioni di abitudini se non ci fosse facebook avremmo inventato qualcosa di diverso. Da piccolo mi dicevano di non stare troppo alla televisione che fa male, isola le persone ed in effetti così era …non ci sono più le donne con la sedia la sera dopo cena e noi ragazzi a giocare fuori ls tv ha diviso tutti i condomini di un palazzo. Adesso il pc che isola le persone in questo internet che avvolge . Ma dico anche qua si può discutere e con persone di paesi diversi di culture o religioni diverse quindi c’è un lato positivo. L’unico neo è che non conosciamo chi abita al di la dello schermo. Io di solito mi propongo per quel che sono scrivo non ho problemi a mostrarmi. Così ho insegnato alle mie figlie il lato positivo che le persone possono darti è così che la piccola(vista da padreperchè ha 17 anni)quando è in chat mette sempre il video e mi presenta(con qualche imbarazzo )hai suoi amici vituali che in quel momento diventano realiUna volta sono stato a firenze con lei e l’amichetto accompagnato a sua volta dalla zia che era prof della prov. di Salerno. Ecco così vivo il virtuale rendendolo vicino al mio reale. Poi accomuna persone lontane che sarebbe inimmaginabile se non esistesse internet. Non dimenticando che la vita reale è quella che vivi ogni giorno anche passando un po di tempo qua.
    Buona serata Viky ci sarebbe da parlarne per ore sull’argomento, ho fatto un po di esempi su come lo vivo io . Tutto nella vita è un gioco ma fatto seriamente

    Piace a 1 persona

    1. Anche per me la rete è molto importante ci sono entrata a 14 anni 27 anni di web quindi … ma tengo ben distinti i 2 mondi ciaoo e grazie per il tuo bel cpmmento♥️♥️♥️

      "Mi piace"

  3. Il punto fondamentale è l’uso che si fa… ma ormai sta diventando davvero patologico. Il punto è che poi, se uno viene magari preso di mira ma perché ha esposto fin troppo se stesso e la sua vita , poi son sempre gli altri i ‘cattivi’ ….mica lui lo sprovveduto che posta anche quando va in bagno…..

    Piace a 1 persona

    1. ciao lucia e questo è davvero patetico…c’è troppa solitudin oggi abbinata a una “mania di protagonismo”dettata dal sentirsi una nullità nel reale…noi ci capiamo, un bacione mia cara

      "Mi piace"

  4. Carissima, hai già letto i miei post sull’argomento social quindi ti evito il mio pensiero copiato et incollato. In questa sede mi limito a dire che sto notando una certa esagerazione e sinceramente nemmeno immagino dove arriveremo….
    Esagerazione in tutti i sensi: nel pubblicare su Facebook post lacrimosi sulla madre appena morta, sul mandarti seimila messaggi audio mentre ti stai facendo una benedetta vacanza agostana e vorresti staccare anche dal cellulare, su Instagram che è diventato un mezzo per fare le dirette del cavolo e non per postare le foto, sul mandarti meme che dovrebbero farti ridere ma che, se io non li cerco, perché me li devi mandare tu ?, sui tanti tanti tanti messaggi del tipo “CM VA ?” che mi fanno rimpiangere i tempi in cui ogni sms era prezioso (e costoso) e ci si “allargava” solo ai tempi delle Christmas Cazz.
    WP ? Qualcuno qua sopra ha detto bene. Io resto dell’idea (vedi appunto mio famoso post), che l’onda lunga di Facebook abbia travolto questo bellissimo mezzo e che si adotti il sistema “mi piace il tuo post se tu hai messo mi piace al mio”… Pazienza.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...