Lady Macbeth

macbeth

 

Nel mare di vetro
di un rosso delirio
di un’anima persa
nel fumo di voglia
mi sono bagnata
tagliata
ricami di sangue
sui candidi seni
sui fragili polsi
il vetro si tinge
di strani colori
di albe e tramonti
di antica pazzia
il mare mi porta
liscio e sicuro
carezze di fauci
di un mostro
il rimorso.
Traspare la vita
nel vivo ricordo
di un tempo lontano
di quando era il mare
di sale
la culla
di morbida onda
e non questo ruvido
vetro
che dentro mi scorre
percorre
aprendomi tutta
nell’urlo finale.

22 pensieri su “Lady Macbeth”

  1. molto bella strega, il quinto e ultimo atto della tragedia di big William apre con la pazzia di Lady Macbeth: la lady è tormentata dai sensi di colpa, cammina nel sonno e ripete ossessivamente il gesto di lavare via il sangue di Duncan dalle sue mani ma è tutto inutile. La tortura non ha fine, e la distrugge.
    Le ferite laceranti da vetro acuminato ben rendono l’orrore del rimorso.

    Piace a 1 persona

  2. versi che si rincorrono, ossessivi, a fiato corto: un delirio che qui rivive rincorrendosi in immagini in rapidissima successione. Di grande effetto il tutto, immagine compresa, buon WE milady

    "Mi piace"

  3. reminiscenze urlano nel silenzioso mare è pazzia la solitudine e rosso vivo nel fondo rende pace al dolore che scompare come scompare lentamente la vita..
    Il potere annebbia la mente ma il rimorso è un tarlo che la distrugge…
    Ciao Viky , una bella poesia per una tragedia Shakespeariana che rende bene l’animo della lady, anche se non era una santa , anzi …..
    bravissima …. forse eri una di quelle streghette profetiche? 😀 😀

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...