La panchina delle cose perdute

panchina11

 

Sulla panchina delle cose perdute
ho lasciato nodi di sguardi
e volti nudi vestiti d’anima
ed emozioni che pizzicano le labbra
onde di lago appena mosse
dal vento.

Sulla panchina delle cose perdute
ci sono i colori del cuore
come papaveri selvatici
in un campo di primavera
nell’aria che diventa sogno
tra le montagne e l’isola incantata.

Sulla panchina delle cose perdute
ho lasciato le ultime carezze
quelle che stanno nelle pieghe dell’alba
in fremiti di voci mormoranti d’acqua
per guerrieri delle cento notti
o solitari d’eremi
a riscaldare il cuore.