TU

Io di te so quel poco che basta
ad esserti mio specchio come vorrei.
So dei tuoi amori quello che
mi dici, delle tue idee
gli strani incroci
so che mi pensi qualche volta
con rabbia e desiderio
che mi incidono la pelle
qualche volta
con tenerezza distratta.
So che ti voglio quando voglio
un uomo vero
fatto di carne e sogni, di un presente
smagato
di un passato che forse è nostalgia

di un futuro
smagliato come
una vecchia calza a rete.
Ora spogliami lentamente
come la prima volta
quando eravamo così giovani
da urlare al cielo
fammi odiare la tua assenza
e poi dimenticare di dimenticarti
straziante
come un verso spezzato di Eluard.