Erosdinamica

Ti sento ancora per un istante estraneo
prima di riconoscerti nel morirmi dentro.
Cerco le tue braccia di albero forte
afferrami
per quando saremo riflessi sfuggenti
d’altri giorni
annusami
come mai hai fatto sui tuoi palmi
bevimi
tra le tue labbra goccia il mio liquore
di loto
accarezzami
in lento esplorare d’angoli e colline
per cogliere sul letto ormai disfatto
gli orgasmi maturati al nostro sole
per scivolar nel sogno
sudati, arresi, bagnati con le nostre urla ancora
implose in eco assordante
a torturarci i fianchi
a rotolarci in petto.
La tua voce mi risuona dentro
mentre ti cerco nell’impronta calda
trafitta nelle cosce dai vistosi tatuaggi
del tuo cieco volermi
del mio implorarti
in singhiozzi di parole.
Ora
nel buio dell’assenza
ho nascosto i tuoi occhi in fondo al petto.

15 pensieri su “Erosdinamica”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...